Viaggio in moto a Capo Nord giugno 2016

04 luglio 2016

         Report viaggio a Capo Nord in moto 4 giugno- 30 giugno 2016

Sul Preikestolen
Sul Preikestolen

 

                                                Massimo & Flavia    Mission     Nord Kapp.

 

Periodo dal 4 al 30 giugno 2016

Giorni di viaggio: 27

Moto: bmw r 1200 gs adv

Nazioni attraversate: Italia,Austria, Germania, Danimarca, Svezia, Norvegia, Finlandia, Estonia, Lettonia, Lituania,Polonia,Repubblica Ceca,Germania, Austria,Italia.

Km percorsi: 12.700

Ciao a tutti, quest’anno ci prepariamo ad affrontare “il viaggio. Così viene definito dalla maggior parte dei motociclisti europei Il percorso che ti porta a raggiungere via terra la punta più a nord in Europa. Ma arrivare a Capo Nord visto come punto di arrivo per noi è solo una scusa. Il vero mito è il viaggio stesso attraverso la natura incontaminata dei fiordi norvegesi, lo spettacolo del sole di mezzanotte, il silenzio degli spazi sconfinati del grande nord.

Flavia era molto restia a fare un viaggio del genere, oltre dodicimila km.,30 giorni, ma quello che la spaventava di più era il pensiero di dover prendere pioggia e freddo per la maggior parte della vacanza, e così ogni anno cambiavamo destinazione. Rinvio dopo rinvio è lei che a Natale mi ha detto “stavolta andiamo a Capo Nord. Io entusiasmo alle stelle, ho iniziato la preparazione del viaggio, itinerario, luoghi da visitare, cartine, abbigliamento tecnico adeguato. Come al solito nulla di prenotato. Tutto rigorosamente in moto, a parte l’attraversamento di alcuni fiordi in traghetto. L’itinerario di massima è attraversare la Germania, arrivare in Danimarca, fermarsi un giorno a visitare Copenaghen, poi direzione Svezia, un giorno fermi a Stoccolma, proseguo per la Norvegia, dove ci fermiamo un giorno a Oslo.

Da lì attraverseremo tutta la Norvegia fermandoci a visitare I luoghi turisticamente più interessanti fino a Capo Nord. Al ritorno passeremo per la Finlandia, dove ci fermeremo a Helsinki. Con 2 ore di traghetto siamo nelle repubbliche baltiche dedicando un giorno ciascuno alla visita delle capitali Tallin, Riga, Vilnius. Dopodiché, tempo a disposizione permettendo, Varsavia, Cracovia, Praga, Salisburgo, Roma. Sicuramente è un viaggio molto impegnativo, viste anche le condizioni meteo che dovremmo affrontare, ma siamo comunque in Europa. Durante il viaggio se riesco a trovare linee Wi-Fi free spero poter postare qualche foto e piccoli commenti sulla giornata. La partenza è prevista sabato 4 giugno.     Ritorno 5 luglio.


4 giugno, primo giorno

Ieri a causa di problemi di lavoro la partenza è stata posticipata alle nove e mezza. Fatto il pieno una tirata fino a Bologna per sosta panino, poi altra tirata con sosta caffè e gelato al Brennero, infine alle otto dopo 1200 km. decidiamo di fermarci e usciamo dalle bellissime (perché senza limiti di velocità) autostrade tedesche. Siamo in un paesino 100 km dopo Norimberga, Munchbergen dove troviamo un hotel con annesso ristorantino. Cena veloce breve giro turistico del paese e a nanna. La giornata è stata metereologicamente bellissima. Sole fino a Verona, nuvole fino al Brennero, sole in Germania. Alla partenza la moto segnava km. 168.000.Unico inconveniente alle 15: si è scaricata la batteria dell’auricolare di Flavia. Causa connessione lenta non riesco a caricare le foto. Oggi ci aspettano altri 800  km. Fino a Copenaghen dove ci fermeremo un giorno. Ciao.

Prima tappa Munchberger in Germania

5 giugno, secondo giorno.

Oggi giornata soleggiata, temperature dai 25 ai 30 gradi.Attraversiamo tutta la Germania tramite autostrada, poi 50 km di statale per arrivare a Puttgarden dove siamo saliti su un traghetto che ci ha sbarcato in Danimarca. Da li altri 180 km e siamo a Copenaghen. Sono le otto e iniziamo la ricerca dell’albergo, e dopo tre tentativi ne troviamo uno centrale a novanta euro! Ci sistemiamo e usciamo per un giro veloce nel centro. Per cena una pizza con birra danese. Alle dieci e mezza era ancora giorno.

Aspettando l’imbarco a Puttgarden

Ponte danese

Albergo a Copenaghen

 

6 giugno, terzo giorno

Oggi giornata dedicata alla visita della capitale Danese. La giornata promette bene, temperatura sui 24 gradi, giornata soleggiata. Alle nove siamo pronti per il tour di Copenaghen, rigorosamente a piedi. Iniziamo dal famoso quartiere Cristiania dove prima ci “arrampichiamo” sulla torre circolare dove si gode di un panorama a 360° sulla città, poi andiamo a visitare la chiesa del redentore. Passiamo poi al palazzo reale Amalienborg, erano le dodici e abbiamo assistito al cambio della guardia (fortuna). Poi, le Kastellet un’antica fortificazione militare a forma di pentagono. A pochi passi la celeberrima “sirenetta” monumento simbolo della città.

Ci rechiamo dopo al park museum Rosemburg dove abbiamo potuto ammirare le stanze reali e in un sotterraneo i gioielli della corona. Usciti ci facciamo trasportare dalla folla per la “storget, una strada pedonale che attraversa il centro storico. A metà della storget sorge la torre circolare, una caratteristica è che non ci sono gradini per salire ma una rampa elicoidale larga 4 metri e lunga 220. Panoramicissima. Per finire i famosissimi in tutto il mondo giardini “Tivoli”, con parco giochi annesso. Come tutti sapete qui la gente si sposta con le biciclette, nemmeno l’ombra di un motorino, uno scooter, una moto. Anzi un tizio, ma uno solo l’ho visto con una Kawasaki 1000. Altra nota positiva anche un caffè lo puoi pagare con carta di credito. Bellissima città, moltissimi cantieri aperti per il rifacimento di strade e piazze. Domani direzione Stoccolma, passando per il ponte del Malmö. Solamente 700 km! Ciao.

Copenaghen

Noi e la “sirenetta”.

Parco Tivoli

07 giugno, quarto giorno.

Dopo una colazione pantagruelica, e preparati 4 panini per il pranzo seleziono sul navigatore “Stoccolma”, e si parte.L’attraversamento del ponte del Malmö è impressionante.La giornata inizia con una temperatura di 20° all’arrivo a Stoccolma rilevo 28 gradi, più salivamo più la temperatura aumentava. Il sole ci ha accompagnato per l’intero percorso. Una sosta in un’area di servizio svedese munita di tavolo con panche all’ombra dei pini, spezzava il viaggio. L’autostrada è poco trafficata e tutti viaggiano a velocità codice cioè 120 km/h. Non ci sono ne autovelox, ne tudor, ne tele laser, ma comunque tutti vanno a 120, bmw, mercedes, saab, porsche…. Io la prima mezz’ora mi adeguo, poi …….. All’ingresso della città c’è molto traffico, anche qui molti lavori in corso. Parecchie persone si spostano in bicicletta, ma le auto la fanno da padrone. Torno a vedere le moto, molte. Ad un semaforo mi fermo accanto ad un tizio con una motoguzzi fiammante. Ci guardiamo e non so chi mi ha trattenuto dal dirgli “ma ndo vai co sto cancello”?

Arriviamo al centro e ci mettiamo alla ricerca di un hotel, ma i primi 3 sono tutti “fully booked”, cioè al completo. Iniziamo la ricerca “on line” e quelli con camere disponibili costano dai 250 euro a notte i più economici. Allargo la ricerca alla periferia e ne trovo uno a 140 per 2 notti. Salvo l’indirizzo sul navigatore sta a 3 km. mi reco direttamente sul posto e trovo una camera libera. Perfetto. Prima di fare qualsiasi altra cosa mi collego e cerco l’hotel per dopodomani a Oslo. Peggio di Stoccolma, ma dopo una ricerca estenuante ne trovo uno quasi in centro al prezzo di 100,00 euro a notte. Ok prenotato. Doccia, riposino e con la moto torniamo in centro. Trovo un parcheggio di fronte ad un ristorante italiano, ai quali mi raccomando di dare un occhio alla moto che tornato dal giro avrei mangiato li. Alle 22,30 dopo aver girovagato per le viuzze dell’antica città siamo piedi sotto al tavolo. E’ ancora giorno, mangiamo un ottima pizza e un gustoso tiramisù, ci salutiamo e gli dico che domani avrei parcheggiato la moto tutto il giorno per visitare la città a piedi. A domani.

Palazzo reale di Stoccolma

Ponte del Malmo’

8 giugno, quinto giorno

Stamattina dopo 4 giorni di sole e temperature alte qui a Stoccolma il termometro segna 14°, e pioviggina. Noi non ci scoraggiamo con la moto raggiungiamo il centro, la parcheggiamo dal nostro amico e ci incamminiamo nel centro. Facciamo un biglietto che ci consente di fare un giro della città in bus turistico e un giro con la barca per vederla dai canali. Intanto torna a splendere il sole e l’aria si scalda. Visitiamo il castello di Drottiningholm che è la residenza estiva dei reali regnanti. La strada dello shopping, il palazzo reale, il municipio, il quartiere Skansen un museo all’aperto. Ci sarebbero ancora molte cose da vedere ma si è fatto tardi perché qui alle 18:00 chiudono tutto. Con la moto ci facciamo un giro per la città e nella periferia, alle 21:00 torniamo in albergo. Bella giornata anche oggi. Domani ci aspettano 530 km per raggiungere Oslo, dove ci fermeremo un giorno.

Traghetto per Drottiningholm

Giardini reali Stoccolma

Palazzo reale estivo Stoccolma

9 giugno, sesto giorno

Stamane aria frizzantina, temperatura a 11 gradi, carichiamo la moto e ci dirigiamo verso Oslo. A metà strada sosta panino in uno spazio appositamente adibito in riva ad un lago.  Intanto l’aria riscalda e all’arrivo siamo a 20°. La giornata è soleggiata. L’albergo è a 800 metri dal centro. Alla reception mi dicono che devo pagare il parcheggio per la moto esterno e non coperto. Acconsento e quando mi accorgo che per 2 giorni ho pagato 45,00 euro, ormai è troppo tardi. La carta era già stata strisciata. Sono le cinque e ci avviamo verso il centro per la scoperta della città. La cattedrale ..…. chiusa. Il palazzo del municipio…chiuso. Il palazzo del re… chiuso. il palazzo del parlamento…chiuso. Anche qui vige la regola che dopo le cinque è tutto chiuso. Accidenti, ci limitiamo a percorrere la strada che collega la cattedrale al palazzo del re, la più gettonata, turisticamente parlando. Ci fanno visitare i giardini del palazzo. Ci dirigiamo poi verso il porto dove visitiamo il Norvegian National Opera, una struttura in marmo e vetro grandiosa, naturalmente solo dall’esterno, anche questa era chiusa. A questo punto anche noi chiudiamo in bellezza con una pizza magnum e una birra che ci siamo divisi (40,00 euro). Vi ricordo che Oslo è la città più cara d’Europa. Anche oggi tra moto e a piedi abbiamo dato abbastanza. Domani visita più approfondita.

Pausa pranzo a Karstald

La Karl Johans Gate di Oslo

Palazzo del Re di Oslo

10 giugno, settimo giorno

Oggi giornata sempre soleggiata con temperatura sui 18° gradi. Stamane iniziamo con visita alla galleria di arte moderna, ma all’arrivo ci comunicano che apre a mezzogiorno!!!!!!Bene.

Visitiamo all’esterno tutto lo splendido complesso progettato dal nostro Renzo Piano. Accanto c’è l’imponente castello di Akershus, una fortezza militare, lo attraversiamo e ci dirigiamo al molo dove tramite piccolo traghetto in 20 minuti raggiungiamo un sito dove visitiamo nell’ordine: museo delle navi vichinghe, museo del folclore, e museo marittimo norvegese.  Torniamo indietro e per visitare altri siti decidiamo di spostarci in moto. Per primo il museo Munch, poi la National gallery, dopodiché ci spostiamo al parco Vigeland, bellissimo, spazi immensi. Per ultimo andiamo all’Holmenkollen, il trampolino di salto con gli sci. Una struttura avveniristica, non paghi saliamo con un ascensore nel punto più alto dove partono gli atleti, e poi tramite scala interna in una terrazza sopraelevata dove si gode di una vista spettacolare di tutto il fiordo di Oslo. Scendiamo che sono le otto e corriamo alla cattedrale che stasera non chiude e troviamo due artisti con clavicembalo e pianoforte che si stanno esibendo. Usciamo alle nove e mezza e becchiamo un burgher king dove mangiamo un panino di quelli che fanno la. Alle undici torniamo in albergo (è ancora giorno).

Anche oggi la giornata è terminata. Oslo una città bellissima, tantissimi cantieri aperti per renderla ancora più vivibile. Moltissime automobili elettriche e parcheggi loro riservati con le colonnine per ricaricarle. Traffico rispettoso in favore dei pedoni e di quelli che si spostano in bicicletta. A Domani.

Museo marittimo

Parco Vigeland

Trampolino salto con gli sci

11 giugno, ottavo giorno

Stamattina sveglia presto ci sono da fare oltre 500 km. Il tempo è bello , ci dirigiamo verso Stavanger sulla costa Occidentale . Durante il tragitto una sosta a Heddal per ammirare una delle chiese più grandi della Norvegia interamente costruita in legno. Dovendo percorrere strade statali e provinciali la velocità è ridotta. Ad una sosta benzina apro la cartina cercando una scorciatoia e vedo una strada appena marcata che attraversa le montagne sbucando a ridosso del fiordo che dobbiamo attraversare.  Si tratta della SV 337 che inizia all’altezza di Rysstad. Accorcio di circa 140 km., ok si può fare. Mai scelta fu più azzeccata, una tipica strada “alpina”, bella, curvosa saliva fino a quota 1100 mt. Ad ogni tornante un laghetto e la neve, non sulla strada, ma ai bordi. Il termometro da 16 gradi è sceso fino a 5.Ci fermiamo spesso per ammirare il panorama e scattare foto. Ad un certo punto è iniziato a piovigginare, ma passato il valico ha subito smesso. Arriviamo a   Hole dove saliamo su un traghetto che in 10 minuti ci sbarca sull’altro lato del Lysefjord. Sono le cinque e decidiamo di andare a cercare un albergo ma all’ufficio turistico Ci dicono fully booked!!!!!!! Noi diciamo che ci va bene anche una camera e allora ci dirottano da un signore che le affitta. Ok ci rechiamo li, niente di che ma siamo stanchi e accettiamo (75 euro). All’improvviso Flavia mi dice e adesso che facciamo? Andiamo al Preikestolen! Altri 10 km, di moto e poi 2 ore di cammino + 2 per scendere. Ragazzi non posso trascrivere le emozioni. Una vista mozzafiato.

Una roccia posta sul fiordo a 620 mt. Il sole ancora alto ci ha permesso di scattare molte foto, alcune addirittura sul bordo piedi in fuori. Non paghi di ciò, saliamo su un sentiero ancora più in alto, arrampicandoci sulle rocce da dove scattiamo una foto spettacolare del sito. Scendiamo che sono le nove e mezza, stanchi ma appagati .Per la strada del ritorno notiamo un kebab aperto e ci fermiamo .Ottima cena 2 panini e una coca cola 35 euro! Ci facciamo un giro per la cittadina di Jorpeland, ma vista l’ora tarda, circa le dieci e mezza ma ancora giorno pieno, la troviamo deserta. Ci ritiriamo nell’abitazione poco fuori città a dormire.

Chiesa in legno a Heddal

Strada “alpina” sv 337

Alla partenza del Preikestolen

Seduti a 625 mt sul Preikestolen

Flavia sul ….pizzo!

Preikestolen visto dall’alto.

12 giugno, nono giorno

Sono le nove di sera, ci troviamo ad Aurlandfjord, in una Hytte, di un campeggio dopo 600km. Percorsi da stamattina. La giornata è stata stupenda, dai 11 gradi delle sette di questa mattina, ai 22° nel corso della giornata. Partiti da Jorperland, percorriamo la statale 13 fino ad Odda. Che dire, domenica mattina in 250 km nessuno in giro. Che strada, motociclisticamente parlando, da delirio. Aggiriamo l’Hardangerfjord in finale e torniamo verso Bergen tramite la statale 7, altri 200 km. Qui in Norvegia i limiti sono 60- max 70 km/h. Il mio navigatore mi segnala i velox!!!!!!!!!!!!!!! Arrivati a Bergen incappiamo in una festa in strada, tamburi, gente in costume tipico, banda. Dopo aver assistito alla sfilata subito al mercato del pesce per gustare le prelibatezze locali, mentre decidevamo cosa prendere un cuoco di uno stand ci fa” che volete magna?” e noi …….. certo.

L’Italiano di Formia ha capito tutto e ci prepara due piatti di crostacei buonissimi. Visitiamo il porto con le caratteristiche casette in legno colorate, un giro all’interno e poi mentre cercavo dove andare a dormire, Flavia mi dice qui c’è troppo casino, andiamo fuori a cercare qualcosa, e imbocchiamo la N. 63 che ci ha regalato altri panorami stupendi. Dopo 200 km notiamo questo campeggio in riva ad un braccio del Sognefjorden, e ci fermiamo. A domani.

Fiordo Jorpeland

Cascate Voss

Bergen, quartiere Bryggen

 

13 giugno, decimo giorno

Qui fa giorno alle 2 del mattino e il sole entra prepotentemente dalla finestra della hytte. Le persiane non le usano in Norvegia!!!!!!Alle sette siamo pronti a partire, ma c’è un nodo da sciogliere: tunnel di 24 km per raggiungere il laerdalfjorden oppure strada 243 “alpina”? Iniziamo l’arrampicata tornanti strettissimi e in salita, la temperatura inizia a scendere fino a 7 gradi ma lo stupore è tanto. Neve e laghetti ghiacciati da una parte, dall’altra lo spettacolo dell’aurlandfjorden visto dall’alto. Scendiamo e un traghetto ci porta dall’altro lato. Qui inizia il bello la statale 5. Impossibile elencare la moltitudine di, cascate di acqua, prati in fiore, laghetti. Cerco di arrivare al geirangerfjorden tramite una strada secondaria la 258 ma causa neve è chiusa. Ci bloccano dove c’è la stazione sciistica, aperta naturalmente. Dico a Flavia” mi faccio due piste e poi ripartiamo”!!!!!!!

Ci fermiamo un poco e poi si riparte. Torno indietro e percorro la strada principale.  Faccio una deviazione per arrivare al monte Dalsnibba a 1400 mt., una strada a pagamento, dove si può ammirare il fiordo geiranger in tutto il suo splendore. Sul punto panoramico decine di pullman carichi di turisti che sono sbarcati dalle navi da crociera ancorate giù al fiordo. Scendiamo, arriviamo al porto e risaliamo tramite la famosissima “strada delle aquile”. Appiccicata al costone del fiordo quasi sembra cadere giù. Percorriamo la ss. 63, a Eidsdal traghettiamo velocemente per Valldal.   Da qui altro percorso che ci porta alla non meno famosa “strada dei troll”, peggio della strada delle aquile, anche questa appiccicata su un costone della montagna, con una cascata di acqua che quando fai i tornanti sembra caderti addosso. Proseguiamo fino ad Andelsen e altro traghetto direzione Molde dopo aver attraversato il mare tramite un tunnel sottomarino.

L’obiettivo quale?  “l’atlantica” altra famosissima strada costruita tramite ponti su diversi isolotti. Passiamo Kristiansund, sono le otto e decidiamo di allungare curva dopo curva, dopo 200 km siamo a Trondheim, come entro in città vedo una scritta Hotel, mi fermo. Ok. Siamo sfiniti oltre 700 km. percorsi. Sono quasi le ventitré. Gli chiedo un piano alto per vedere il sole. Spegniamo la luce alle 23.30, ancora era giorno.

Neve sulla Bjorgavegen

Pareti di neve

Specchio

Geirangerfjord

Trollstingen, la strada dei troll

L’atlantica

14 giugno, undicesimo giorno

Partenza di buon’ora dopo una colazione di tutto rispetto alle 07:30 con destinazione Bodo dove ci imbarcheremo per le isole Lofoten. Dal programma che avevo dovevamo percorrere tutta la strada costiera Fv 17 ma una perturbazione ci convince a passare all’interno. Ci aspettano 711 km. di strada Norvegese con limiti 60-70, in qualche tratto 90. Fino a Steinkjer traffico notevole, poi scorrevole ed infine senza traffico. La giornata è soleggiata a tratti qualche nuvola, la temperatura si attesta sui 11- 12 gradi. Ci fermiamo dopo 350 km per uno spuntino (panino fatto alla colazione dell’hotel), benzina e ripartiamo. Circa 120 km.  prima di Bodo la strada sale di quota fino a 700 mt. e vediamo una struttura futuristica, grande parcheggio, pullman, è la linea immaginaria dove passa il parallelo del circolo polare artico, 66°33’00’’. Noi ci fermiamo più per la stanchezza che per visitare il sito.

A questo punto la foto di rito è d’obbligo. La temperatura è scesa fino a 5° gradi, intorno c’è la neve, ma il sole splende e sembra che non faccia davvero freddo. Flavia non gradisce molto, ripartiamo di gran fretta e scendendo arriviamo a 14° gradi. Arrivati in porto alle 19:30   ci rendiamo conto che l’ultimo traghetto per le Lofoten è partito alle 17:30. Il prossimo parte alle 00:40 e decidiamo di prendere quello. Ore di navigazione circa 3 e mezzo. Cerchiamo un locale per mangiare qualcosa e sul lungomare becchiamo” Peppe pizza”. Fame e stanchezza la fanno da padrone, intanto la temperatura è scesa a dieci gradi, e il cielo è limpidissimo, un ottimo auspicio per vedere il sole di mezzanotte. Si perché qui sopra il circolo polare artico si può vedere. La pizza era buona. 2 pizze e una birra media 40,00 euro. Ora andiamo a fare il biglietto e poi a prendere posizione per vedere il sole “ non tramontare”.

Traghetto per le isole Lofoten

Traghetto per le Lofoten

Circolo polare artico

Sole a mezzanotte

Traghetto per le Lofoten

15 giugno, dodicesimo giorno

Il traghetto per le Lofoten parte in orario 00:40, temperatura 12 gradi, cielo sgombro da nuvole. Noi sulla banchina per vedere il sole a mezzanotte, che era oscurato da una piccola nuvola sull’orizzonte. Saliti sul traghetto dopo aver legato la moto saliamo sul ponte, e il sole è li fermo. Dopo un ora circa torna ad alzarsi. E’ l’una e mezza, ci buttiamo sulle poltrone e ci addormentiamo. Dopo 2 ore mi sento bussare alla spalla, e un marinaio mi dice “the bike, the bike”! Scendiamo in fretta e ci accorgiamo che le auto dal traghetto erano uscite tutte e stavano entrando quelle per il viaggio di ritorno. Sono le tre e mezzo, il sole già alto, iniziamo la visita delle isole Lofoten.

A quell’ora erano deserte. Solo qualche gabbiano ci faceva compagnia. Spettacolari, sembrano dipinte. Dopo 3 ore di guida accuso sonnolenza, ma sono le sei e mezza e non c’è niente di aperto. Arrivati a Svolvaer mi fermo. Sono le sette pensiamo seriamente di cercare un albergo per dormire. Sulla piazza c’è né uno “ di lusso”, troppo ! Magari facciamo solo colazione, chiedo quanto costa e mi sparano per 2 colazioni 70 euro!!!!!!!!!!!!!! Mi butto sulla panchina e aspetto che apra qualche market e alle otto apre quello del benzinaio. Ricca colazione 10 euro in totale. Rifocillati riprendiamo il viaggio. Anche oggi la giornata è bella tutto sole. Imposto il navigatore con direzione Alta una citta sulla strada per Capo nord, ad un certo punto mi trovo tipo una frontiera non sorvegliata la passo ma dopo 45 km mi fermo. Qualcosa non mi torna. Apro la cartina e mi rendo conto che sono in Svezia. Torno indietro e dopo 60 km riprendo la strada giusta.

Verso le nove la stanchezza mi blocca. I km percorsi sono oltre 700 Iniziamo a cercare qualcosa per la notte (che notte non è), e dopo tre tentativi, troviamo un campeggio che ci offre una casetta spartana a cinquanta euro. Il proprietario aveva fretta, aveva già chiuso, ci dà le chiavi e ci dice di lasciare i soldi nella cassetta accanto all’entrata della reception. Queste cose solo qui possono succedere. Oggi no pranzo ,no cena, a letto con un pacchetto di noccioline che Flavia aveva portato da casa.

Specchio al Nusfjord

Le isole Lofoten

L’albergo sul fiordo

16 giugno, tredicesimo giorno

Mancano ancora 550 km a caponord e ci svegliamo già emozionati. Carichiamo la moto e partenza. La giornata è bella, ad Alta dopo 300kmci fermiamo per un panino. La temperatura è 15 gradi, “tropicale” per questi posti. Passata la città dopo 100 km iniziamo l’avvicinamento e cominciamo a vedere le renne, il paesaggio cambia, spariscono gli alberi. Curva dopo curva l’emozione sale. A trenta km dall’arrivo c’è il primo cartello “comune di “Nordkapp”. Foto a raffica. Temperatura 12 gradi cielo con qualche nuvola. Mentre salivamo sul promontorio la temperatura inizia a scendere le nuvole aumentano. Arrivo sulla piana al casello per pagare il biglietto di ingresso e inizia a piovere, il cielo diventa grigio scuro. Sul parcheggio ci sono 50 camper e una decina di pullman. Turisti appena scesi da una crociera. Andiamo dentro la struttura per ripararci dalla pioggia, è una bolgia. Bar affollati, negozi pieni zeppi, tanti con l’ombrello a farsi la foto sotto Il mappamondo.

Noi scendiamo nel piani interrati dove proiettano filmati sul sito, c’è un museo che racconta la storia del luogo, una cappella. Quando risaliamo dopo un’ora circa sono spariti tutti. Non piove più. Il cielo è nuvoloso la temperatura sui 7-8 gradi. Ci facciamo un giro panoramico, scattiamo le foto di rito, acquistiamo anche noi qualche souvenir. Poco dopo ricomincia a piovere. Il sito è quasi deserto, all’uscita incontriamo un motociclista di Firenze che ha fatto lo stesso nostro giro in solitaria. Scendiamo al paese di Skarsvag per trovare da dormire e al primo colpo un tourist hotel, ha una camera. Sono le 19:00 siamo infreddoliti abbiamo fame. Oggi niente colazione e a pranzo un panino diviso due.

Il tipo alla reception mi chiede se vogliamo cenare e io prontamente rispondo si pesce, e lui ok, ma la cucina apre alle nove. Vabbè andiamo a fare la doccia, scarico le foto e veniamo. Alle nove in punto ci presentiamo in sala che troviamo deserta, il tipo ci viene incontro e chiede se vogliamo cenare al mio si lui dice: ti avevo detto che la cucina chiude alle nove!!!!!!!!!!!!!!!  Nooooooooooo. Santa Flavia aveva nascosto mezzo pacchetto di biscotti nel bauletto, e anche stasera la cena è salva. Dalla partenza ad oggi percorsi 6850 km. Domani inizia il viaggio di ritorno.

Quasi arrivati.

Tende lapponi
Sulla rupe di Nord Kapp

17 giugno, quattordicesimo giorno

Sveglia alle sette per andare su alla rupe a fare qualche foto con il sole, ma.…..una nebbia tipo val padana avvolge tutta la montagna, e per di più tutta la notte, (ovvero qua era comunque giorno) è piovuto e continua. Fatta una discreta colazione iniziamo il viaggio di ritorno. Temperatura sui 8-9 gradi, pioggia. Dopo 200 km passiamo il confine e siamo in Finlandia, smette di piovere e il termometro schizza a 20° gradi. Ma dura poco ricomincia a piovere con temperatura sui 15° gradi. Passiamo Inari e punto su Rovaniemi dove penso di fermarmi a dormire. Arriviamo a Napapiri circa 15 km prima di Rovaniemi e vediamo il grande complesso   â€œla casa di babbo natale”.

Pioggia sempre più fitta, km percorsi 690, a pranzo il solito panino. Sono quasi le otto, non c’è nessun, chiedo della Hytte e mi dice la signorina che è disponibile a 120 euro con sauna inclusa. Io e Flavia ci guardiamo in faccia mentre allagavamo la reception, tanta era l’acqua che grondava dalle tute. OK. Al caldo. Poi mi affretto a chiedere del ristorante, la risposta “è chiuso”!!!!!     Noooooooooo    Bar, market?  Si ma sta chiudendo, è di là. Vado di corsa e supplicando la cassiera sorry…sorry…sorry …….riesco ad acciuffare un barattolo di frutta sciroppata, una tavoletta di cioccolata da 200 grammi e un pacco gigante di pop corn! Flavia non vedeva l’ora di mettersi sotto la doccia, io anche. Ci danno la casetta… uauuuuu una cosa meravigliosa. E’ un appartamento con cucina, bagno con sauna finlandese(ovviamente), camera da letto grande con scrivania. Al bagno stranamente notiamo una bilancia e Flavia pesandosi mi dice “sta bilancia va male, segna 4 kili in meno …..mi peso io e leggo 3 kili in meno……..la bilancia va bene , ma con questi ritmi arriviamo a casa anoressici!!!!!!!

Come giornata di trasferimento la pioggia non ci ha causato grossi problemi, certo guidare in queste condizioni richiede maggior concentrazione e riflessi sempre pronti. Domani visitiamo il complesso e poi direzione Helsinki. Dimenticavo di dirvi che siamo tornati di nuovo al circolo polare artico, ma date le condizioni meteo impossibile vedere il sole di mezzanotte.

Partenza da Skarzvag

Ingresso in Finlandia

La casetta a Rovaniemi

18 giugno, quindicesimo giorno

Stamattina ci svegliamo con il sole, facciamo colazione, visitiamo tutto il grandioso complesso della casa di babbo natale, chiaramente deserto. Dagli altoparlanti si sentiva la caratteristica musica natalizia, e nelle varie casette sparse c’era l’ufficio postale per l’annullo del francobollo, banchi di souvenir, in una c’éra babbo natale con cui ti potevi fare una foto al prezzo di venticinque euro! Noi ci defiliamo. Certamente venire qui a Natale deve essere tutta un’altra atmosfera. Alla partenza il tempo cambia, inizia a piovere, e pioverà tutta la giornata.

A circa metà del viaggio ci fermiamo e stavolta pranziamo con salmone, verdure, insalate, frutta. Io mi faccio un’ora di riposo e ripartiamo. Arriviamo a Helsinki dopo 835km. Alle ventidue trovo subito l’albergo. Scarichiamo la moto sotto la pioggia anche oggi è fatta. Domani visita della città e poi traghetto di 2 ore per Tallin .

Distanze da Rovaniemi

Linea del Circolo polare Artico

19 giugno, sedicesimo giorno

Stamattina cielo molto nuvoloso, sembra stia per piovere ma per tutta la giornata non lo farà. Andiamo al centro della città e cerco un parcheggio. Lo trovo centralissimo sotto un palazzo di 8 piani che altro non è che un centro commerciale Stockmann. Sono tre piani sotto terra e otto sopra. Noi parcheggiamo a meno 1e nello stesso livello c’è un supermercato. Grande, immenso, ordinato, per girarlo ci vuole la bicicletta, mai visto una cosa simile. Vendono solo prodotti alimentari. Sono le nove e facciamo colazione con 2 panini con prosciutto di parma, yogurt e frutta varia. Al piano terra una caffetteria sempre large, con macchina del caffè italiana. Due espressi. Ora si inizia a ragionare. Ci rechiamo al punto turistico per prendere la cartina e i dépliant per la visita.

Piazza del mercato piena di bancarelle che vendono prodotti locali con annesso reparto gastronomico dove degustiamo dell’ottima frittura. La cattedrale Uspenski, la sede del parlamento, il palazzo del municipio. Gironzolando attraversiamo un parco ben tenuto, e poi ci addentriamo nelle vie dello shopping dove hanno sedei marchi più prestigiosi. Alle cinque riprendiamo la moto e ci avviamo al porto per l’imbarco per Tallin. Dopo due ore arriviamo. Il tempo è bello soleggiato, la temperatura sui 18 gradi. Andiamo alla ricerca di un albergo e tramite navigatore ci rechiamo in una zona a ridosso del centro storico dove ne segnala parecchi. Mi fermo in un 4 stelle ma penso sia troppo caro, chiedo e per 70 euro ci offrono la camera, la colazione, piscina, e sauna con idromassaggio “all inclusive”. Affare fatto.  Altri 15 euro per il parcheggio moto per due notti. Oggi percorsi in moto una decina di km. Ceniamo in un locale caratteristico del centro con 25 euro. Ottimo. Domani avremo tutta la giornata per visitare la città.

Cattedrale Helsinki

Chiesa Helsinki

20 giugno diciassettesimo giorno

Intera giornata dedicata alla visita della città di Tallinn, soprattutto Il centro storico un vero gioiello. Iniziamo con il percorrere tutte le viuzze della città vecchia, soffermandoci a piazza Rekoia, palazzo Kadriorg, la piazza del Municipio, la cattedrale Neuskij. Leggiamo sulla guida che il punto più panoramico della città è dalla torre della televisione e alla sera stanchi della camminata decidiamo di andarci. Chiude alle ventidue e sono le venti e trenta, ma è distante, allora ci rechiamo nel sito con un taxi.

Arriviamo alle nove meno cinque, e vediamo gruppi di ragazzi che corrono verso la torre, noi intenti a fare foto alle nove un quarto  siamo là, ma alla reception ci dicono che l’ultima corsa dell’ascensore è salita. La torre chiude alle nove!!!!!!!!!!! Accidenti! Vabbè cerchiamo una fermata del bus in zona che ci riporta in centro e terminiamo la serata con un gelato italiano. Bella giornata soleggiata, con temperatura di 22 gradi. Domani ci trasferiamo a Riga capitale della Lettonia distante circa350 km.

Cattedrale di Tallin

Panoramica di Tallin

21 giugno, diciottesimo giorno

Stamattina tempo soleggiato, temperatura sui 20 gradi. Percorriamo strade statali in ottimo stato e un tratto di strada che costeggia il mare per arrivare a Riga. A ridosso del centro storico vedo un’insegna di un albergo “Ibis”. Sono le dodici, chiedo e con 65,00 euro mi danno la camera. 15 euro per il parcheggio accanto. Iniziamo subito la visita alla città che è davvero bella. Un centro storico ristrutturato totalmente, piena di gente, tanti locali, bar, ristoranti, e addirittura un centro commerciale a 5 piani con negozi di ogni genere. Una architettura di arte nouveau più ricca d’Europa. Un dedalo di stradine che si incrociano quasi a reticolato.

La soprannominano la Parigi del Nord. Abbiamo girato in lungo e in largo fino alle 23:00. Spettacolari i giardini di “vermanes garden”, poi il monumento alla libertà e la cattedrale di San Pietro. Ovviamente qui   a una certa ora   la città si anima ancor di più. Iniziano ad aprire le discoteche, i night club, i club privè. E’ tutto un brulicare di persone che và e viene. Noi a quell’ora prendiamola strada dell’albergo. Domani ci aspettano altri 300 km per arrivare a Vilnius capitale della Lituania.

Riga

Riga

22 giugno, diciannovesimo giorno

Partenza con calma, i km da fare sono appena 320. Tempo bello temperatura 25 gradi. Faccio una deviazione per andare a vedere la collina delle croci a 130 km da Riga, un luogo che sta a decretare la religiosità dei lituani fin dai tempi della repressione sovietica. Arrivo a Vilnius e trovo subito un albergo a 50 euro. Usciamo per la visita e iniziamo dalla collina delle tre croci, a seguire la torre Gediminas da dove si ammira il panorama della città. Scesi ci incamminiamo per la città vecchia, passando per la piazza della cattedrale. Passando attraverso i giardini “Bernardinai Garden” arriviamo alla chiesa ortodossa “San Nicola”.

Dopodichè percorriamo in lungo e largo tutti i vicoli della città vecchia, arrivando fino alla sinagoga e al quartiere Uzupis. Causa chiusura, manca la chiesa di S. Anna e quella di S. Pietro e Paolo che visiteremo domani. Causa pranzo saltato ceniamo in un localetto caratteristico della via pedonale centrale, dove c’è un via vai di gente.

Collina delle croci

Vilnius piazza della cattedrale

23 giugno, ventesimo giorno

Oggi ci trasferiamo a Cracovia, i km. da fare secondo il navigatore sono 725, e la maggior parte  in strade statali.  Vediamo come si mette la giornata al limite facciamo due tappe. E la giornata inizia male, perché ci troviamo ad una frontiera chiusa, ci chiedono i passaporti, ci fanno un sacco di domande ci chiedo il visto e alla fine ci dicono: qui non potete passare state entrando in Bielorussia! Ma non è la Polonia rispondo io? No, il confine polacco è 50 km prima!!!!!   Azzzzzzz…….do la colpa, al navigatore, torniamo indietro e tutto si aggiusta.

Attraversiamo tutta la Polonia con temperatura intorno ai 30-32 gradi che a Varsavia diventano 34. Infiniti lavori in corso e deviazioni portano Il totale dei km a 864 e ora di arrivo alle 22:30. Cercare l’albergo non è stato semplice dopo 4 tentativi al quinto becco un Novotel 4 stelle a 80 euro. Anche oggi è andata!!!!!Dimenticavo pranzo veloce ad un bar della benzina tra Varsavia e Cracovia alle 17:00. Due pizze magnum, e 2 coca cola: 8 (otto)euro!

Miniera di sale a Cracovia

La piazza di Cracovia

Auschwitz

24 giugno, ventunesimo giorno

Oggi giornata dedicata alla visita di Cracovia. Giornata soleggiata e caldissima, alle 14:00 faceva 35 gradi. Iniziamo con lo spostarci a Vieliczka, un paese a 14 km. della città dove ci sono le miniere di sale. Prenotiamo una visita guidata con ragazza che parla italiano, perché la durata è di tre ore circa. Le miniere sono antichissime e profonde 300 mt hanno 9 livelli. A noi ce ne fanno visitare solo tre e scendiamo tramite 800 gradini fino a meno 130 metri. Una vera meraviglia. All’interno la temperatura era sui 15-16 gradi. Totalmente messe in sicurezza per il turismo di massa accolgono un milione di visitatori l’anno. C’è anche un percorso più tecnico ma ci vogliono caschi, stivali, maschere per respirare. Usciamo alle 12:00 e lo sbalzo di temperatura è terrificante, da 15 a 35! Mentre ci dirigiamo verso il centro della città, lo sguardo mi va ad un palazzo moderno con sopra la scritta “Bmw Motorrad”.

Abbiamo percorso diecimila km dalla partenza e devo  devo cambiare l’olio!!  Mi infilo nel parcheggio ed entro. Come nel classico stile BMW tutto perfetto. Ragazze da 180 cm, sala d’ aspetto con pc, bar uso gratuito, vado in accettazione e chiedo. La ragazza masticava un po’ di italiano dopo essersi consultata con il capo officina mi dice che per il tagliando ci vogliono 2 – 3 ore ed è quasi l’una. Nessun problema. Chiedo cortesemente se mi chiama un taxi che ci accompagna nella città vecchia e la moto la vengo a riprendere all’ora di chiusura. Detto fatto. Iniziamo dalla (secondo gli abitanti del posto), piazza più grande d’Europa, a seguire la basilica, e l’edificio del mercato dei tessuti. La torre del municipio, altre chiese seguendo un itinerario turistico e i vicoli della città vecchia.

Ci rendiamo conto che si è fatto tardi e dobbiamo andare a riprendere la moto. Il solito taxi ci porta in conce. Tagliando eseguito moto lavata (era sporchissima), il capo officina mi fa notare tramite fotocopie esplicative, che bisogna cambiare due paraoli, nel motore, e la cuffia del telelever anteriore. Mi dice di farlo al più presto. Fattura 200,00 euro dettagliatissima in polacco. Nota a parte di tutto quello che è stato fatto. Preventivo per la sostituzione dei paraoli. O.K. saluti sono le otto andiamo a visitare il quartiere ex soviet di Nova Nute, ci riportiamo nella città vecchia e spendiamo l’ultima ora rimasta nel passeggio. E’ rimasto da vedere il castello nella collina di Wawel, domani mattina ci andiamo.

 

25 giugno, ventiduesimo giorno

Stamattina ci affrettiamo per andare a visitare la collina di Wawel. Giornata calda anche oggi. Arriviamo su con la moto e la biglietteria è ancora chiusa. Ci facciamo un giro all’interno del sito per ingannare il tempo e ci accorgiamo che la cattedrale è “free”. Entriamo, uno spettacolo, andiamo anche a visitare le tombe dei reali. Ci portiamo nella parte sud dove c’è la torre e il castello per visitare le stanze, ma c’éra una fila allucinante di gente che aveva prenotato on line, e allora abbiamo desistito. Fatto un giro nelle parti libere da biglietto si sono fatte le dodici e decidiamo di portarci ad Oswiecim, una piccola cittadina a circa 70 km da Cracovia dove i nazisti avevano allestito i campi di concentramento di Auschwitz e Birkenau.

Arrivati alle 13:00 parcheggio di fronte alla biglietteria e dal monitor riesco a scorgere “tour in lingua italiana inizio ore 13:15”, e accanto il numero dei posti rimasti “2” !!!!!  Che fortuna! Presi al volo i ticket, arriva la guida e iniziamo il tour che finirà alle 17:00. La guida, una professoressa polacca spiegava con tale maestria che quasi sembrava rivivere i momenti tragici che si sono verificati all’interno del sito. In primo luogo abbiamo visitato Auschwitz e poi con un pulmino ci hanno trasferito a un paio di km dove si trova Birkenau. Il sito è visitato da circa un milione e settecentomila persone ogni anno, di cui ottantacinquemila italiani.

Facciamo un pranzo frugale alle 18:00 e poi…….e poi il nostro tour programmato dovrebbe finire qua, ma ci rendiamo conto che possiamo disporre ancora di qualche  giorno, quindi andiamo a ruota libera e decidiamo di trasferirci in repubblica Ceca per un avvicinamento. Dopo 250km. arriviamo alle 21:00 ad un paese Omolouc, a 70 km da Brno. Albergo avvistato dall’autostrada 4 stelle 60 euro. Prenotata la stanza una visita veloce al paese. Ci deve essere una qualche manifestazione che non riusciamo a capire ma le strade del centro sono gremite da locali e turisti. Luci, addobbi, musica. Noi stanchi defiliamo. Domani si vedrà.

Cracovia

Campo in fiore

26 giugno, ventitreesimo giorno

E stamattina abbiamo deciso. Colazione abbondante perché i km da fare sono tanti. Giornata nuvolosa la mattina, e soleggiata il pomeriggio. Attraversiamo tutta la repubblica Ceca, e dopo 705 km siamo nientepocodimeno che a WURZBURG, in Germania, è da lì che inizia la famosissima “Romantic Strasse”, e noi la percorreremo tutta fino a Fussen, fermandoci nelle località e nei siti che la guida appena acquistata ci consiglia. Appena entro in città un albergo IBIS mi si para davanti, chiede 70 colazione compresa. Sesto piano vista sul fiume. O.K.

Oggi abbiamo visitato questa piccola cittadina, è davvero bella. Una città a misura d’uomo. Siamo entrati nella cattedrale abbiamo assistito a un concerto di cori e orchestra, peccato che era alla fine. Mentre giravamo per i vicoli della città vecchia loro, “i tedeschi” erano tutti impegnatissimi a vedere la partita nei pub, bar, ristoranti, che avevano allestito televisori sui marciapiedi. Alla fine grande carosello di auto e strombazzamenti vari. Anche noi partecipiamo ai festeggiamenti in uno stand allestito con mega video gustando birra, wurstel e patate! Domani andremo a visitare il castello e poi seguiremo l’itinerario consigliato.

Cattedrale di Wuzburg

Ponte a Wuzburg

27 giugno, ventiquattresimo giorno

Oggi giornata soleggiata a tratti con nuvole. Temperatura 20-22 gradi. Finiamo di visitare Wurzburg, la fortezza Marienberg, e la residenza dei vescovi e dei principi. Quest’ultima con dei giardini sontuosi. Abbiamo percorso circa 200 km, la metà dei 381 della strada romantica, senza tralasciare alcun sito. Tra i vari paesi quelli che ci hanno colpito di più sono Rothenburg O.D.T., Weikersheim, Creglingen. Ma comunque sono tutte belli e caratteristici. Ora siamo ad Augsburg città fondata dall’imperatore romano Augusto più di duemila anni fa. Domani si prosegue per arrivare a Fussen.

Dimora dei vescovi a Wuzburg

Eccola La Romantic strasse

Uno dei borghi della Romantic Strasse

28 giugno, venticinquesimo giorno

Oggi giornata soleggiata con temperatura sui 24 gradi. Stamattina  visita di Augsburg , duomo e sala del comune con una sala  decorata in foglia d’oro Poi proseguo per la Romantic Strassen . Landsberg Am Lech è quella che ci ha stupito più di tutte, ma anche Rottenbuch e Steingaden, ma quando arrivi a Schwngau, allora li sembra di entrare in un libro delle favole. Si perché i castelli esistono davvero, 4 laghi, parco naturale, un paesaggio termale e di saune. Quando arrivi sulla piana, e lo vedi li sopra uno sperone di roccia che sembra quasi che viene giù, Flavia mi dice fermo fermo……..

E’ il castello di Neuschwanstein quello fatto costruire da Ludovin secondo, quello che appare nei film di Walt Disney, quello delle favole. Si è lui. Con la moto ci arrampichiamo sin dove possibile, poi un sentiero di 30 minuti e siamo la. Anche stavolta la fortuna ci aiuta riesco ad acquistare 2 biglietti per l’ultimo ingresso quello delle diciotto. Bello fuori…bello dentro. Usciamo dopo un’ora e ci dirigiamo a Fussen distante solo 3 km. E’ il capolinea della “ Romantic Strassen”. E’ tardi,  cerchiamo l’albergo, centralissimo, e poi un giro per la città. Ceniamo nella strada sotto l’albergo in zona pedonale. Stasera ci concediamo “stinco di Maiale” e un piatto di verdure strane ma buonissime. Due birre chiudono la serata. Percorsi oggi 150 km. A domani.

Augusta

Castello di Hohenschwangau.

Castello di Neuschwanstein

29 giugno, ventiseiesimo giorno.

Ieri sera rileggendo la guida della Romantic Strasse mi sono accorto che la cittadina di Fussen non è l’ultima tappa ma la penultima. L’ultima tappa è lo “ZUGSPITZE”. Ok oggi ci dirigiamo là.  70 km. Lo Zugspitze è la montagna più alta della Germania circa 3000 metri. Per arrivarci c’è un tratto di strada fino al Paese di Eisbe Saibha, dove a quota 900 mt. Si trova un laghetto alpino con acque trasparenti. Dopo di che si sale con la telecabina a quota 2964 mt. Oggi giornata stupenda sotto faceva 24 gradi, sopra 8, un panorama mozzafiato. Da lì si vedeva tutta la valle da Garmish a Salisburgo. Dietro il ghiacciaio dove ci sono gli impianti di risalita per sciare anche d’estate. Unica nota stonata il prezzo del biglietto: 106 euro !!!!!!!Ma arrivati su alla vista di tutto ciò lo dimenticherete presto. Scesi dallo Spitze passiamo a Garmish e notiamo che probabilmente c’è in programma una qualche manifestazione motoristica!!!!!!!!!

Non ci fermiamo, tiro dritto fino Salisburgo ma dico al navigatore di percorrere strade curvose ed evitare le autostrade. Costeggiando il parco “Naturpark Karwendel”, Un centinaio di km spassosi, attraversando paesetti, fattorie, alpeggi, boschi. Arrivati a Salisburgo alle tredici trovo parcheggio, e iniziamo la visita della città. Ci rendiamo conto che ci vorrebbero almeno tre giorni e quindi con le sei ore che abbiamo a disposizione cerchiamo di condensare le visite ai siti più importanti. Qui troviamo una temperatura che è di 30 gradi, fa caldo, molta gente sta in riva al fiume a bagnarsi. Verso le sette anche noi abbastanza stanchi di camminare riprendiamo il viaggio con destinazione la citta di Zell Am See. Troviamo subito un ristorante per “Biker”, e accanto una pensione nuovissima che con 60 euro ci da la camera. Se siamo qui un motivo ci sarà, e domani lo scoprirete. Percorsi oggi 300 km.  A domani.

La cittadina di Fussen

Cena alla tedesca

30 giugno, ventisettesimo e ultimo giorno.

Giornata soleggiata (pure troppo) temperatura di partenza 20 gradi. Sono venuto qui perché è qui che inizia la mitica strada del “Grossglockner- Hocnalpenstrasse”. La strada per eccellenza per i motociclisti. 48 km di curve disegnate con armonia, panorami senza eguali, dalle casette dei pastori piantate in mezzo al prato, ai boschi di conifere, per poi proseguire alle ripide pareti da dove sgorgano ruscelli e cascate d’acqua, fino al ghiacciaio perenne. Noi siamo pronti di prima mattina, colazione, benzina, intutati perbene e alle sette e mezzo partiamo. Dopo alcuni km. c’è il casello dove si paga il pedaggio 24,00 euro per moto, 35,00 per le auto. E la vogliamo godere tutta metro per metro.

A quest’ora traffico zero. Solo noi saliamo. Chiaramente salire tutti quei tornanti con Flavia e la moto stracarica non è che sia il massimo del godimento per me, ma è  bello comunque. La prima tappa la facciamo in cima ad uno spiazzo denominato “ Edelweiplatz”, siamo a quota 2571 mt temperatura 8 gradi ma con il sole che ti scalda non sembra neanche freddo. Scattiamo qualche foto, ammiriamo il panorama tutt’intorno con le vette innevate e tutti rivoli d’acqua che scendono a valle dovuti dallo scioglimento della neve. Percorriamo altri 20 km. e arriviamo al bivio che porta al ghiacciaio del Grossglockner. La strada bellissima, saliamo in andatura allegra e Flavia non fa altro che dire piano…piano…In cima grande parcheggio auto e pullman, per noi biker invece è possibile proseguire e arrivare fino ad un parcheggio a noi riservato.

Anche qui panorami meravigliosi. Nello scendere incontriamo tantissimi motociclisti che salgono. Prendiamo la strada del ritorno e passati a Leinz attraversiamo il confine italiano per arrivare a Belluno a prendere l’autostrada. Temperatura 35 gradi che a Bologna diventano 37.5. Sull’appennino qualche grado scende, poi stazionario 30. Immaginate noi con le tute in goretex!!!!!!!!!!!!Arriviamo a casa alle nove e mezza dopo 865 km. Il viaggio è terminato. Ventisette giorni e 12.700 km.

Sull’ Elweisspitze

I tornanti per salire sul Großglockner

Laghetto alpestre

Epilogo

Un ringraziamento a tutti voi che ci avete seguito” on line” in questo viaggio attraverso l’Europa. Cosa aggiungere? Certo è stato un viaggio impegnativo. Pasti saltati tanti, km da fare tanti, cose da vedere….tantissime, ma alla fine tutto è filato alla perfezione. La nostra fidata GS che ha percorso i 12.700 km senza mai un problema, nonostante avesse sul groppone noi due, più sessanta kg. tra valige e borse e 170.000 km.

La fortuna di aver fatto il viaggio sempre contempo bello e temperature nella norma. Solamente due mezze giornate di pioggia durante il trasferimento da capo nord a Helsinki. Voglio spendere due parole sul mito “Nord Kapp”, ovviamente mio parere personale. La Norvegia è una terra da visitare. Paesaggi unici come i fiordi solo qui li puoi trovare. Le isole Lofoten, anche qui la natura regna incontrastata, ma il tragitto da Narvik fino alla rupe, e la strada di ritorno passando per la Finlandia è abbastanza noioso. Stendiamo un velo pietoso per i limiti di velocità che per noi motociclisti sono davvero miseri.

Per non parlare delle sanzioni applicate anche se sgarri di solo 10 km/h. Mettete anche nel conto come ben sapete, che la Norvegia è la nazione più cara in Europa e nelle prime posizioni nel mondo. Senza tralasciare il fatto che comunque per arrivare in Norvegia dall’Italia è un viaggio di trasferimento lungo. Resta il mito. Quello rimane. Intoccabile. Grazie di nuovo a tutti per averci accompagnato e spero non avervi annoiato tutti i giorni con i miei reportini. Alla prossima avventura.

Per vedere tutte le foto clicca QUI:

Viaggio in moto in Portogallo giugno 2017

28  agosto 2017

 

REPORT DEL VIAGGIO IN MOTO IN PORTOGALLO 12 giugno- 1 luglio 2017.

 

Massimo e Flavia In Portogallo.

Ciao a tutti, dopo essere arrivati l’anno scorso nel punto più a nord in Europa (Capo Nord), vogliamo arrivare nel punto più a ovest, Cabo da Roca in Portogallo .Abbiamo a disposizione una ventina di giorni e con partenza lunedì 12 giugno 2017  seguiremo un itinerario terrestre. Roma- Lione-Bordeaux- Lourdes- San Sebastian- Valladolid- Miranda del Duero. Da qui tutta la valle del Duero fino a Porto. Percorreremo tutto il Portogallo da Nord a Sud, fino ad Albufeira, per poi risalire a Madrid- Barcellona- Roma. Tragitto soggetto a cambiamenti.Stima approssimativa di 7.000 km di strada.Come sempre partenza avventurosa ovvero, nulla di prenotato.Giornalmente cercherò di postare delle foto con relativo report. Ciao a presto.

 

 

12 giugno, primo giorno.

Alle sette siamo pronti per la partenza. Imposto sul navigatore Lione, passiamo al bar per la colazione, pieno di benzina e si parte. Prima tappa al Cantagallo dopo 380 km. Caffè, benzina. Seconda tappa Torino, panino e benzina. Bardonecchia, traforo del Frejus, Modane, Chambery e Lione, terza tappa, caffè e benzina, dato che era presto proseguiamo fino a Clermont Ferrand. Vediamo sulla destra un hotel Ibis, scendo a chiedere e la camera compresa la colazione  viene 51 euro. Presa. Sono le otto e mezza e accanto vediamo un ristorante con pizzeria, con la fame che abbiamo ok. Giornata calda, a Torino c’erano 34 gradi. A Lione 35.5. Percorsi 1220 km. Anche nelle giornate di trasferimento da sopra la moto i panorami non mancano

 

13 giugno, secondo giorno.

Stamattina alle otto eravamo già in sella, percorsi circa 600 km per raggiungere Lourdes. Arrivati alle due e passato circa tre ore e mezza per la visita al santuario. C’era pochissima gente quindi abbiamo fatto tutto il giro con calma. La giornata era soleggiata e la temperatura intorno ai 30 gradi. Ripartiti alle 18:00 e dopo altri 190 km fatto tappa in Spagna a San Sebastian, bellissima cittadina sull’oceano Atlantico. Cercato un albergo sul promontorio e trovato al volo, Leakueder. Cenato in locale caratteristico spagnolo affamati visto che oggi niente pranzo !!!!!!! Ciao.

Lourdes

Lourdes.

Lourdes.
 

14 giugno, terzo giorno.

Questa mattina ci svegliamo tardi, sono le otto, scendiamo per la colazione e la cameriera ci accoglie in una terrazza vetrata con vista mare. Bellissima. Su un tavolo ad angolo sono in bella vista tutte le cose che si possono desiderare per una colazione con i fiocchi. Ottanta euro ben spesi. Lasciamo l’hotel con direzione Salamanca, ci sono da fare 480 km. Percorriamo una stradina per una ventina di km, che costeggia il mare sul promontorio, poi autostrada. La temperatura inizia a salire e si attesta sui 32. A Burgos diventano 35 e addirittura a Miranda del Duero alle diciannove e trenta, la GS ha la febbre, il termometro segna  37 e mezzo.

A Salamanca ci fermiamo per 4 ore per la visita alla città.  Le due cattedrali, nuova e vecchia. La piazza maggiore, il centro storico, il convento di santo Stefano, il ponte romano, il palazzo delle conchiglie. Ci portiamo in Portogallo a Miranda del Duero dove c’è un canyon dove è  possibile fare escursioni in barca ma è  tardi, sono le otto facciamo altri 50 km e ci fermiamo a Mogadouro, dove troviamo una pensione con annesso ristorante. Il “ cucinero” mi propone una fiorentina alla brace…..accettiamo, ottima. Percorsi  oltre 600 km. A domani.

 

15 giugno, quarto giorno.

Oggi sono previste temperature bollenti, quindi trasgrediamo alle più  elementari norme di sicurezza. Le tute (estive) nelle valigie, jeans e maglietta a maniche corte. Andatura turistica per iniziare la visita della Valle del Douro. Dopo aver pagato la pensione comprese due colazioni euro 35,00!!!!!!! (tanto valeva),  proseguiamo per Salto de Saucelle  e poi Figueira de Castello  Rodrigo. Le strade sono perfette, traffico zero. Visita alle rovine del Castello e poi direzione Vila Noa de Foz Coa. Qui ci fermiamo per una visita alla Chiesa ma vediamo un tendone attrezzato come se ci fosse una festa.

All’improvviso iniziano ad arrivare dei gruppi di motociclisti, la piazza inizia a riempirsi, pensavo ad un raduno, ma oggi è giovedì, chiedo e mi rispondono che passa il giro del Portogallo. 1900 moto che fanno un giro di quattro giorni. Dico a Flavia defiliamoci che qui sarà una bolgia, infatti procedendo verso Pinhao li ho incontrati tutti, e tutti salutavano!!!!!!! Da qui seguendo il corso del fiume arrivo a Peso de Regua, la temperatura arriva a 39 e decido di salire su per Lamego, tramite una strada secondaria dove arriviamo in cima dopo una serie di curve interminabile. Visitiamo il santuario e ci regaliamo momenti di frescura.  Scendiamo dalla parte opposta tramite stradine secondarie e torniamo in fondo valle. Proseguiamo sulla strada che costeggia il fiume fino al Castello de Paige, che  attraversiamo , e ci portiamo sulla 108 che dopo altri 40 km curvosi conduce a Porto città.

La valle del Douro, una valle incantata. Quando sulle strade raggiungi i punti del Belvedere, ogni volta è una meraviglia.  Poi fatta con la moto te la godi ancor di più. La strada è tutta una curva. Non per questo è  classificata patrimonio  mondiale dell’umanità. Arrivati a Porto punto in centro, sono le nove. Abbiamo percorso oltre  300 km di tornanti. Siamo stanchi,niente pranzo, vedo un albergo, ma è al completo, un altro al completo, il terzo al completo…….apro booking e prenoto on line  tramite navigatore mi faccio portare a destinazione ma fatti cento metri “ arrivo”! Abbastanza lussuoso. Lasciamo i bagagli e vado a parcheggiare la moto nel retro, poi subito a cena. Stiamo due notti, domani niente moto

 

16 giugno. Quinto giorno.

Oggi turismo a piedi. La moto in garage. Andiamo a visitare la città. Porto è una città abbastanza piccola, e per quello che c’è  da vedere una giornata è  più  che sufficiente. Iniziamo con la Chiesa e la torre Dos Clerico, dalla cui sommità si gode di un panorama a 360° sulla città. Accanto la libreria di “lello”, considerata la più bella del mondo, con uno stile architettonico misto gotico liberti, con all’ interno una scala in legno a otto davvero pregevole. Proseguiamo per l’Avenida Dos Aliados fino al palazzo comunale. Continuiamo il giro per le varie chiese, fino alle due più importanti la basilica, e la Chiesa di San Francesco. Non ci facciamo mancare la stazione dei treni rivestita all’interno con più di ventimila  piastrelle azzurre- blu disegnate, che raccontano la storia dei mezzi di trasporto fino al treno.

Scendiamo poi nel caratteristico quartiere Ribeira in riva al fiume Duero da dove si ammira il ponte Luiss interamente in ferro. Una gita in barca sul fiume con annessa degustazione del prestigioso vino locale il “Porto” fa parte del giro dei turisti e noi li seguiamo.  Saliamo sul ponte lo attraversiamo e ci troviamo a  Vila Nova de Gaia da dove si gode di un punto panoramico sul fiume senza eguali. Torniamo indietro attraverso i vicoli della città  vecchia stanchi e affamati , e ci sediamo in un locale  tipico per gustare la specialità  locale, il baccalà.  A domani.

 

17 giugno. Sesto giorno.

Dopo una bella dormita tonificante, lasciamo Porto, e ci dirigiamo a Coimbra. La temperatura stamattina è nella norma 24 gradi. Invece di fare la strada diretta do al navigatore istruzioni di percorrere “strade tortuose”. Passiamo sul maestoso ponte Luis e mi porta tramite la n222 al Castelo di Paiva, sempre costeggiando il Douero. Da lì  tramite la 224 a Vale de Cambra. La cittadina è in festa e mentre usciamo ci vengono incontro un centinaio di motrici di autoarticolati, tutte addobbate, sicuramente dirette alla cittadina. Tutti che suonavano facendo un baccano infernale. La strada cammina dentro un bosco di eucalipto a perdita d’ occhio. Per fare 100 km abbiamo impiegato tre ore tanta era la tortuosità del percorso. È mezzogiorno, la temperatura è salita di parecchio, apro la cartina e punto sulla costa. Andiamo a pranzo sul mare  a Gafanha de Encarnacao.

Arrivati all’una e trenta,una duna chilometrica alta una ventina di metri copre la vista dell’ oceano, ma utilizzando le passerelle quando arrivi in cima lo sguardo si perde nell’ orizzonte  del mare di fronte, e della spiaggia ai lati. Ottimo pranzo a base di baccalà con una spesa minima , 20 euro per tutti e due. Riprendiamo per Figueira da Foz, attraverso una strada di 50 km circa che passa all’ interno di un bosco, visto che i gradi Celsius sono 37.  Fatti pochi km diventa sterrata  buona, sterrata con pietrisco, sterrata con buche, e poi con sabbia. A velocità  ridottissima riusciamo a guadagnare l’asfalto! Arrivati a Figueira il caldo aumenta, puntiamo su Coimbra e quando entriamo in città  il termometro  segna 40!!!!!!  Subito ci dirigiamo al polo universitario dove ci sono da vedere tante cose. Per prima la biblioteca ubicata in un palazzo con temperatura e umidità  controllata 20 gradi ,(accidenti e chi esce da qui). Poi la cappella, la torre, il palazzo del re.

Usciamo alle sei e mezza e ci dirigiamo al sito archeologico di Conimbriga, una città fondata dai romani e incappiano in una festa sull’antica  Roma .  Tende, gente in costume, canti, balli , rappresentazioni teatrali, dromedari, e tutto quanto concerne  gli usi e costumi dei romani.. Quando hanno capito che venivamo da Roma, ci hanno coinvolto negli  assaggi di pietanze varie specialmente vino e birra. Si è fatto buio e noi ancora non cerchiamo l’albergo, torniamo indietro a Coimbra e ci si  para davanti un Ibis nuovo di zecca. Con  61 euro e 6 di garage siamo a posto. Buonanotte. Percorsi 300 km.

 

18 giugno. Settimo giorno.

Lasciamo l’albergo e ci dirigiamo con la moto al centro storico di Coimbra. E’ domenica mattina, gira pochissima gente, parcheggio dei fronte alla cattedrale, poi ci spostiamo a piedi per i vicoli, ma come d’incanto le strade iniziano a riempirsi di turisti. Ci spostiamo dall’altra parte della città, e passando sul ponte di Santa Clara arriviamo al convento di San Francisco. Di fronte il monastero di Santa Clara nuovo, e poco sotto quello vecchio. Facciamo un giro veloce e ci trasferiamo a Tomar su di una strada statale, vediamo a sinistra una colonna di fumo molto alta, poi ai fianchi altro fumo, pensiamo subito ad un incendio di un bosco. Poco dopo la polizia che ha chiuso la strada ci devia su un percorso alternativo.

All’arrivo a Tomar ci chiama nostro figlio e ci informa di cosa sta succedendo in Portogallo volendo rassicurazioni circa la nostra posizione. Intanto anche oggi la temperatura è  alta 39- 40 gradi. Visitiamo la Chiesa di San Giovanni, e poi il grandioso complesso del convento dell’ ordine di Cristo, patrimonio dell’Unesco dal 1983. Ci trasferiamo poi a Fatima, imponenti le due chiese e immenso il piazzale. Da qui a Nazare’ incantevole paesino su di un promontorio che si affaccia sul mare.  La temperatura si fa più  umana, intorno ai 27 gradi. Sono le cinque e facciamo pranzo e cena insieme. Un giro turistico e direzione Obidos, altro paesino caratteristico per via delle casette tutte dipinte e ben conservate, circondato da una cinta di mura di fortificazione percorribili a piedi, se non avete le vertigini, perché senza parapetto!!!!

Continuiamo verso Peniche per affacciarsi sulla scogliera, e poi direzione Sintra, ma dopo pochi km. La stanchezza ci ferma in un paesino Lourinha. Vedo la scritta hotel, la signora gentilissima ci mostra la camera bellissima al piano terra. La moto ce la fa mettere accanto alla porta d’ingresso e ci dice che c’è anche la piscina. Noi stanchi una doccia e a nanna. Percorsi 250 km.

19 giugno.  Ottavo giorno.

La giornata si preannuncia calda. Ci dirigiamo a Sintra tramite strada costiera, sono 70 km, ce la prendiamo con calma e arriviamo alle 10. La piazzetta di Sintra è  gremita di turisti. Parcheggio in uno spazio tra due alberi e iniziamo la visita del Palacio National de Sintra, posto sula piazza stessa. Usciamo e con la moto ci rechiamo 4 km più  su dove si trova il castello Dos Muoros, e accanto il palazzo National da Pena. Non fatevi ingannare dal termine palazzo, sono dimore reali e per visitarle ci vogliono 2- 3 ore l’una. Da qui ci trasferiamo alla “ Quinta da Regaleira “ altra meraviglia e poi “ Monserate Palace” da non perdere. Sono le sei manca ancora il convento dei Cappuccini, per arrivarci bisogna percorrere 15 km di strada dentro un bosco e arrivare in cima al promontorio.

Dopo è la volta del punto più a ovest d’ Europa, Cabo da Roca, ma arrivando sul piazzale lo vedo gremito di persone. Giriamo la moto e ci arrampichiamo tramite strada sterrata, su un monastero da dove il panorama supera di gran lunga il capo. Arrivati in cima con la strada davvero dissestata ci ferma la forestale e ci dice che qui solo gli autorizzati possono passare. Scatto due foto e ci defiliamo. Scendiamo dal promontorio e tramite la 247 passiamo a Cascais cittadina davvero bella. Un giro veloce e direzione Lisbona dove arriviamo alle nove. Albergo trovato al volo con booking, con garage al seminterrato. Staremo qui tre notti. Due giorni interi da dedicare a Lisbona.

20 giugno. Nono giorno

Oggi tour de force a Lisbona. La moto in garage. Giornata sui 30 gradi, si respirava.  Iniziamo dal castello di Sao George, poi Miradouro nostra signora, scendiamo dalla collina e ci addentriamo nel famosissimo quartiere Alfama. Saliamo sul tram della linea 28 che fa il giro dei posti caratteristici della città, arrampicandosi negli stretti vicoli, e scendendo dalle ripide stradine. Ci spostiamo lato mare verso la torre di Belem, a seguire il monastero di Jeronimo. Accanto al monastero il giardino tropicale, e davanti la pasticceria Belem da cui non puoi sottrarti per gustare i pasticcini .Torniamo in centro e saliamo sul  Miradouro di Santa Lucia. Sono le dieci. In albergo.

 

21 giugno. Decimo giorno.

Continua il tour della città.  Iniziamo con l’ocenarium   ci spostiamo poi nei quartieri Chiaro, e Barrio. Un caffè nel bar in via Jarrett,  obbligatorio. Poi Chiesa di San Rocco (da non perdere), Chiesa dei martiri, teatro, trindade, museo archeologico do carme (da vedere). Chiesa di sant’ Antonio, cattedrale e museo. Ripassiamo nel quartiere Alfama, poi ultimo sito museo Gulbenkian, anche questo da non perdere. Ci fanno uscire alle sette e rientriamo in albergo a piedi 5 km. Lisbona è una città che ci è  piaciuta moltissimo. Si mangia bene, è  poco trafficata, abbastanza pulita, ha temperature miti. Solo un difetto….  È piena di turisti. Dove vai vai li trovi. Noi  compresi. !!!!!!

 

22 giugno.undicesimo giorno

Stamattina levataccia mattutina. Alle cinque siamo in piedi. Ci aspettano circa 1200 km……. al volo ………..   sempre rimanendo in Portogallo. Prendiamo la direzione aeroporto di Lisbona. È da lì  che alle sette parte il volo per Madeira, l’isola di smeraldo situata di fronte alle coste marocchine, ma facente parte del Portogallo. Lascio la moto in uno dei parcheggi custoditi, e loro mi accompagnano in aerostazione. Ritorno domani sera alle cinque. Il volo parte in perfetto orario e alle otto e tre quarti atterriamo a Funchal, il capoluogo dell’isola. Prendiamo un’automobile a noleggio per visitare l’isola. Da Funchal subito ci dirigiamo a cima barrio . La strada è ripida e piena di tornanti, ma qui trovare un rettilineo non è  facile, arrivati a quota 1450 parcheggiamo al miradouro, il punto panoramico.

Da una parte il mare, dall’altra le cime frastagliate delle montagne accanto. Scendiamo e tramite la strada costiera, (che sulla cartina sembra passare  sulla costa, ma in realtà  sta molto più  in alto) passiamo in un villaggio di pescatori , Camara de Lobos, per poi dirigerci a Cabo Girao. Si tratta della  seconda scogliera più alta del mondo, 600mt. circa. Il panorama è  stupendo. Hanno costruito un’impalcatura di acciaio con pavimento in vetro che sporge al di fuori della falesia, i più  coraggiosi  possono camminarci sopra per provare il brivido del vuoto. Proseguiamo e a Ribeira Brava deviamo per la 104 che taglia l’isola trasversalmente per portarci al lato nord.  A Sao Vincente siamo sul mare e girando a sinistra vogliamo per percorrere la 101, una delle strade più belle e pericolose dell’isola.

Cammina a ridosso della falesia per cui e facile essere colpiti da sassi che cadono giù. In certi punti puoi farti il lavaggio gratis della macchina dall’acqua che cade a mò di cascata sulla strada. In parecchi punti vista la reale pericolosità l’hanno chiusa al traffico veicolare, ma si può  percorrere a piedi. Un carrello grandissimo indica che è a proprio rischio e pericolo. A Ponta do Tristao arriviamo al punto più a nord. Proseguendo per Ponta do Pargo siamo al punto più a ovest, scendiamo a Calheta e   ci fermiamo a Ponta do Sol. Vedo un albergo  sono le nove e mezza e il sole appena appoggiato sull’ acqua  ci regala un tramonto romantico. A domani.

 

23 giugno. Dodicesimo giorno.

Dobbiamo visitare la parte nord-est dell’Isola e la attraversiamo di nuovo per passando per l’altopiano Paul da Serra . Panorami sempre diversi, strade attaccate al fianco della montagna che non capisco  come  non cadono giù. Boschi con piante di ogni tipo, come fosse un immenso vivaio.  Sulla cima un parco eolico per energia pulita. Una meraviglia dopo l’altra. Ogni tornante è un punto  panoramico. Arrivati a Santana decidiamo di salire a Pico Ruivo la vetta più alta di Madeira, ma una nuvola staziona sulla vetta. Proseguiamo a punta di San Lorenzo il punto più a est. Anche qui panorami senza eguali. Si è fatto tardi, rientriamo a Funchal per una visita al centro storico e un pranzetto sempre a base di baccalà.

Qui dicono che ci sono 366 modi diversi di cucinarlo. Alle quattro riconsegniamo l’auto. In totale abbiamo percorso 400 km.  Alle cinque parte il volo che atterra a Lisbona alle sei e mezza. Ritiriamo la moto e ci dirigiamo a vedere una cosa che era rimasta indietro, Il ponte 25 aprile, anzi ci passiamo sopra  per raggiungere Setubal a 30 km. da Lisbona. È quasi buio ci fermiamo al solito Ibis. A Madeira giornata splendida con i soliti 20-24 gradi, a Lisbona 27- 28.

Madeira un’isola bellissima. Volevamo rimanere almeno altri due giorni ma problemi di volo ci hanno fatto desistere.

 

24 giugno. Tredicesimo giorno.

Dopo 4 giorni di fermo oggi riprendiamo la nostra vacanza in moto. Ci dirigiamo al parco naturale da Arrabita. La strada corre in mezzo al parco e la fine è il faro de cabo Espichel. A Sesimbra ci fermiamo per visitare le rovine di un castello. Proseguiamo per il lago di Albufeira, che è  diviso dall’oceano da una duna di sabbia,  per cui l’acqua è  salata, ma calda , e non fredda come quella del mare. Torniamo a Setubal e puntiamo verso sud, percorrendo  strade locali. A Santiago do Cacem una sosta caffè  e visita ad un mulino a vento ancora funzionante, alle rovine di un antico insediamento romano e alla chiesa con resti del castello medievale. Scendiamo ancora, Odemira, Aljezur, Monte Ruivo, Vila da Bpo. Da qui devio verso il mare percorrendo molti km di strada sterrata, addirittura per 5-6 costeggiando la scogliera.  Arriviamo a Capo Sao Vicente dove la strada finisce. Torniamo indietro e andiamo al promontorio successivo, Fortalezza de Sagre.

Sono le otto e proseguiamo per Sagres a cercare un stanza, ma dopo 4-5 richieste tutti ci danno al completo. Ci spostiamo al paese successivo, uguale. Apro booking e mi dà una stanza in albergo a Lagos, a 28 km. Ok andiamo. Arriviamo e l’albergo si trova in centro storico, chiuso a quest’ora. Mi devo raccomandare al vigile di spostare le transenne e farmi passare per fare gli ultimi 400 metri. Lagos un paese pieno di turisti. Sicuramente inglesi, francesi, tedeschi comunque nord europei. Tanti locali, pub, ristoranti, negozi. Un via vai per le stradine del centro storico. Davvero ben tenuto. Noi scegliamo un localetto caratteristico per cenare con zuppa, e dessert.  Il gelato dal classico gelataio italiano piemontese. Oggi giornata soleggiata. Temperatura dai 22 ai 27 gradi. Ventosa sull’oceano. Percorsi circa 500 km.

 

25 giugno. Quattordicesimo giorno.

È domenica, sono le otto, il paese dorme, è   vuoto. Noi con la moto percorriamo le viuzze del paese. Visitiamo due chiese, ci affacciamo sull’oceano, le spiagge sono anch’esse deserte. Puntiamo verso l’interno al parco nazionale Caldas de Monchique. Le strade sono belle, tutta natura. Imbocchiamo una sterrata indicata come “mirador” punto panoramico, ma sicuramente per un errore di incrocio ne percorriamo una decina di km, non senza qualche momento di incertezza visto che saliva e scendeva dalla montagna. Ripreso l’asfalto ci fermiamo in un bar e vista l’ora, e dato che cominciava a piovigginare, ci fermiamo un paio di ore a pranzo. Un cliente che aveva lavorato in Italia, ci racconta della vita in Portogallo.

Usciamo e ritorniamo sulla costa Albufeira, altro paese super turistico. Casette bianche basse e tanti alberghi. Spiagge …..le più  belle d’Europa. Continuiamo sulla costa e raggiungiamo Faro, bellissimo borgo sul mare. Pochi turisti. Un centro storico racchiuso all’interno delle vecchie mura. Incantevole. Da qui una strada, la N2 fantastica, se capitate da queste parti non mancatela. Arrivati ad Almodovar deviamo per Mertola altro paesino che sta all’interno della valle del Guadiana. Sono le nove, e leggo un cartello “Rita affittacamere”. Mi chiede 31 euro, camera bellissima con vista sul fiume, climatizzata, moto fuori della porta. Accetto. Di corsa al ristorante con una fame da lupi. Mangiamo bene come sempre e con pochi soldi. Percorsi 300km.

 

26 giugno. Quindicesimo giorno.

Ci incamminiamo per la visita di questo piccolo paese Mertola. Le rovine del castello la chiesa, le torri di avvistamento, rovine di un’antica cittadina romana.  Facciamo colazione in un bar della piazza e un abitante del luogo ci dice: andate a Pulo de Lobo? Flavia subito incuriosita come come?  Si tratta di una cascata alta una decina di metri del fiume Guadiana, in mezzo a delle rocce grandissime. Il problema è che per arrivarci esiste una sola  strada sterrata, e pochissime indicazioni. Si scende in una valle fino ad un certo punto poi bisogna lasciare la moto e fare 20 minuti a piedi. Come al solito in mezzo alla campagna sbaglio bivio e mi infilo in una fattoria. Il ragazzo mi spiega bene il percorso e alla fine riesco ad arrivare al punto indicato. Solo noi e la natura. Suggestivo.

Lasciamo il canyon e attraversando il parco arriviamo a Beja. Qui c’è  da visitare il castello con la torre  maschia in marmo, la più  alta del Portogallo e solamente……. 184 gradini per arrivare in cima.  Il panorama ripaga della fatica. Poco più a nord Evora il capoluogo dell’ Alentejo. C’è una cinta muraria che la circonda, al cui interno un centro storico da vedere. Accanto alla cattedrale i resti del tempio romano. Lasciamo la moto e ci infiliamo nei vicoli del centro storico. Bellissima città. A pieno titolo patrimonio dell’UNESCO. Lasciata Evora, passiamo a Elvas poi lasciamo il Portogallo. Arriviamo a   Meridia che sono le nove. Troviamo subito in centro un hotel con tapas accanto. A domani. Percorsi 350 km.

27 giugno. Sedicesimo giorno.

Oggi giornata totalmente dedicata a Meridia. Citta fondata dai romani.  Facciamo 2 biglietti intero circuito che ci permettono di visitare tutti i siti della citta di Augusto. Il tempio, il teatro, il circo, l’alcazar, il museo, l’acquedotto, il ponte, l’arco di Augusto. Il centro storico ben tenuto. Anche questa città come le altre merita una visita più approfondita. Alle sedici siamo pronti per trasferirci sulla costa est della spagna e dopo 650 km siamo vicino a Valencia. Alle ventidue riesco a trovare un ottimo albergo poco fuori Valencia, a poco prezzo e mangiato patatine e tapas.

 

28 giugno. Diciassettesimo giorno.

Da Valencia ci spostiamo verso Barcellona puntando verso il  Monastero di Santa Maria de Montserrat sempre su strade secondarie. Bellissima la strada che sale verso l’eremo arrivando sul piazzale della basilica. Vedi questi enormi blocchi di pietra, che sembrano quasi caderti addosso. Saliamo con un trenino a cremagliera al punto panoramico superiore. Da qui tramite un sentiero molto accidentato che si snoda attorno ai “grandi massi “, si sale ancora fino alla cima da dove poter ammirare la catalogna dall’alto.

Dopo tre ore di escursione scendiamo e andiamo a visitare la basilica, il chiostro, il refettorio . Sono le tre e la prossima tappa è la costa brava. Percorriamo tutta la strada litoranea da Premia del Mar, a Tossa do Mar. Arriviamo alle sette e approfittiamo del fatto che fa notte alle dieci per visitare il paese. Antico borgo medievale, pieno di turisti. È circondato da una cinta muraria con sette torri e un camminatoio che le raccorda. Ceniamo nell’albergo prenotato a base di tapas. Percorsi 200km.

 

29 giugno. Diciottesimo giorno.

Siamo a Tossa do Mar e percorriamola strada GI 682 direzione nord. Arriviamo a Saint Feliu de Guixols ubriachi di curve. Bella, bella, dopo ogni curva vorresti fermarti ad ammirare il panorama. Sembrano tutte cartoline. Quaranta chilometri di goduria. La giornata come tutte le precedenti bella, temperatura sui trenta gradi. Da qui puntiamo ad arrivare a Nizza. Volevamo ripassare in Provenza dove siamo stati quattro anni fa, a giugno c’è la lavanda in fiore, ma tiriamo dritti. A Cagnes sur Mer poco prima di Nizza, deviamo e per la sera cerchiamo un b&b intorno a Vence. Lo troviamo carino in mezzo ad un bosco. Praticamente un’abitazione privata che ci concede la camera con bagno. Anche oggi 615 km.  A domani.

 

30 giugno. Diciannovesimo giorno.

Questa mattina ci svegliamo con il cinguettio degli uccellini. Si riparte. Imbocchiamo la Route de Grenoble, bellissima strada che cammina a fianco del fiume Varo. Ci addentriamo nelle alpi Francesi, la temperatura inizia a diventare umana, 24 gradi. Ad un certo punto deviamo per la Route de la Tinee,  la strada diventa tipicamente alpina e ci porta passati 4-5 paesetti ad un altro bivio prendiamo direzione Isola. Si tratta del complesso sciistico Francese di Isola 2000. Iniziamo a salire i tantissimi tornanti e arriviamo su a quota 2000 metri. Ora inizia quasi a fare freddo.  Indossiamo le termiche e proseguiamo fino al passo della Lombarda, che segna il confine tra Italia e Francia, a quota 2350.

Qui il termometro segna 8 gradi freddino rispetti ai 40 del portogallo. Il panorama delle alpi è sempre meraviglioso. Scendiamo verso il paese di Vinadio e tagliamo a sinistra per arrivare al Santuario di Sant’Anna a quota 2025, dichiarato il santuario più alto d’Europa. Visitiamo il sito e parcheggiata la moto ci incamminiamo per un escursione sopra il santuario per vedere 5 laghetti.  La salita richiede circa due ore, ma lo scenario che si presenta ripaga la fatica. La mattina avevamo preparato i panini per il pranzo e gustarli in cima a quota 2400 sul laghetto è stato davvero bello.

Scendiamo e riprendiamo il viaggio. Vinadio, Borgo San Dalmazzo, Cuneo, Asti, Alessandria, Tortona, Chiavari, Sestri Levante. Tutto senza autostrada. Troviamo un albergo sul mare, e dopo venti giorni due spaghetti alle vongole non ce li leva nessuno. Anche oggi giornata soleggiata. Percorrenza circa 600 km.

 

1 luglio. Ventesimo giorno.

Oggi ultimo giorno di vacanza, lo vogliamo sfruttare tutto. Iniziamo da Sestri dove andiamo ad ammirare la “baia del silenzio”. Tramite strada costiera 370 passiamo a Moneglia e Deiva Marina. Continuiamo fino ad arrivare al Parco delle cinque terre. Monterosso al Mare, Vernazza, Fornacchi, Volastra, Groppo, Manarola, fino a scendere a Rio Maggiore. Arrivati a La Spezia puntiamo per porto Venere, dove pranziamo a tarda ora. Inutile stare a elencare le meraviglie che vi offre tale parco. Merita sicuramente una due-tre giorni completa per visitarlo a fondo. Vogliamo arrivare a casa prima che faccia buio e gli ultimi 500 km li passiamo sull’autostrada. Anche oggi giornata soleggiata e calda.

 

Considerazioni finali.

Il nostro “viaggio importante” in moto quest’anno è stato preparato all’ultimo momento. L’escursione a Madeira anche. Ma considerato che viaggiavamo in Europa, non avevamo alcun timore circa eventuali imprevisti. Un itinerario di massima era programmato, ma abbiamo sconfinato tantissime volte. Inizialmente era prevista la nave Civitavecchia-Barcellona andata e ritorno, abbandonata all’ultimo momento. La moto nei 7800 km percorsi non ha dato problema alcuno. Rimboccato mezzo litro di olio motore. Tornati che il contachilometri segnava 213.000.

Anche la ricerca degli alberghi con la complicità di “booking” si è rivelata semplice. Le temperature di questo giugno erano leggermente fuori norma. A scapito della nostra sicurezza abbiamo viaggiato sempre in jeans e maglietta, tranne che nelle lunghe tratte dove indossavamo un giubbino. Tempo sempre soleggiato. Il Portogallo, un paese fantastico. Gente accogliente, mai invadente, sempre pronta ad aiutarti a darti informazioni. Mai avuto la percezione di essere in pericolo.  Le strade bellissime e ottimamente tenute. Nelle escursioni lasciavamo sempre giacche e caschi attaccati alla moto addirittura una volta le chiavi della moto sulla sella e mai mancato nulla. Solamente a Lisbona ho messo la moto in garage. Altrimenti sempre fuori degli hotel, e mai problemi.

Il cibo? Squisito. In portogallo abbiamo mangiato sempre bene. Sia nei luoghi turistici, sia nei ristorantini fuori circuito. La spesa irrisoria. Al massimo 15- 20 euro per tutti e due. La mattina si partiva presto, e la sera per un motivo o per un altro arrivavamo in finale a cercare un hotel e un ristorante per mangiare. A pranzo quasi sempre un panino o frutta. Abbiamo speso parecchio per la visita ai siti archeologici, chiese, monasteri, monumenti, musei, ecc.ecc. Ma ne abbiamo visitati davvero molti! La benzina costa come in Italia.

Tutto questo non era possibile senza lei Flavia. Il mio navigatore personale. . Attento a quello…. attento a questo….gira di qua….gira di la…..andiamo a quel sito, e poi a quell’altro. A Madeira era lei che guidava la macchina, e che strade!!!!!  Quando siamo arrivati a casa gli ho detto: amò  mi hai fatto fare il giro dei Santuari. Lourdes in Francia, Fatima in Portogallo, Montserrat in Spagna e Sant’Anna in Italia! E lei……se te lo dicevo prima tu non mi ci portavi……

Bellissimo viaggio. Chissà dove mi porterà l’anno prossimo? Grazie a tutti voi per gli incoraggiamenti ricevuti. Le  foto scattate col cellulare ……vabbe . Alla prossima e ciao a tutti.

 

Per vedere tutte le foto clicca QUI.

Viaggio in moto in Sicilia , settembre 2017.

Report viaggio in moto in Sicilia, 08-17 settembre 2017.

 

Nel 2013, abbiamo fatto già un viaggio in Sicilia, visitando la parte nord fino a Trapani. Ora ci accingiamo a visitare la parte sud-orientale. Partendo da Messina, fino a Capo Passero, per poi risalire tutta la costa fino a Marsala. Ci sposteremo in moto anche per il viaggio di andata e ritorno, invece del solito traghetto. Abbiamo un programma di massima per quanto riguarda i siti e le città da visitare. Speriamo riuscire in tutto. Il meteo sembra dalla nostra parte. Ecco il report.

La partenza.

 

Primo giorno, 8 settembre.

Ciao a tutti. Ecco arrivato il giorno della partenza. L’altro ieri per non perdere tempo arrivati a Taormina, ho prenotato on line con booking. I prezzi in paese erano abbastanza alti e sbirciando su e giù mi si presenta un offerta davvero conveniente. Agriturismo Lumia, a sette km da Taormina, offerta del giorno, camera doppia con balcone vista mare, bagno interno, climatizzatore, tv, internet Wi-Fi, con colazione compresa euro 20 (venti). Mi sembrava strano, ma la prenoto. Questa mattina prima di partire chiamo la struttura per sapere se la prenotazione era arrivata mi rispondono tutto ok l’aspettiamo.

Causa lavoro tardo a tornare a casa. Carichiamo le borse, una controllata al meteo e vediamo che portava una goccia a Napoli, due in Basilicata, e pioggia a Reggio e in Sicilia. Alle nove e mezza si parte. Prima tappa a Lagonegro dopo 350 km, benzina e panino. Tempo sempre bello temperature intorno ai 27 gradi. Quando scendiamo nella piana di Sibari la temperatura arriva fino a 33 gradi. Venti km prima dell’imbarco inizia a piovere. Entrati nel traghetto, lasciata la moto saliamo sul ponte e al punto snack erano in bella mostra gli “arancini”. Velocissimi, ne mangiamo due. Davvero squisiti.  Usciamo che non pioveva più, ma il cielo era grigio scuro. Prendiamo la statale che costeggia il mare e 5 km prima di Taormina il navigatore mi dice di girare che fra 2 km sono arrivato. Mi fa percorrere una strada sterrata fangosa (aveva ricominciato a piovere), per un tratto in piano, poi si arrampicava sulla montagna con tornanti strettissimi. Percorso il primo km ci fermiamo. Il sentiero è davvero accidentato. Dal motore si comincia a sentire una puzza di frizione bruciata. Proseguiamo e poco più su ci si para davanti una bellissima struttura. Portico vista mare, ristorante, camera bellissima. Alla reception il ragazzo ci dice: fortunati, il proprietario si è sbagliato a inserire il prezzo e noi: allora? Allora 20 euro come da convenuto. Il ragazzo ci propone di andare a mangiare al ristorante messicano che è di loro proprietà.  Io gli rispondo che non se ne parla non scendo con la moto e risalgo di notte con quella strada! No no vi ci porto io. Ok. Scendiamo al paese di Sant’Alessio, mangiamo bene, una passeggiata lungomare notturna e alle undici ci riporta sopra. Oggi percorsi 730 km.

 

Secondo giorno 9 settembre.

Giornata soleggiata e calda.

Stamattina dopo una colazione abbondante, ci dirigiamo a Taormina. Dribbliamo la ztl e arriviamo nella piazzetta di fronte al teatro antico greco-romano.

Isola bella Taormina

Acquistati i biglietti facciamo il classico giro turistico. A scendere entriamo nella villa comunale. Un giro nella strada principale del passeggio, e nei vicoli medievali. Piazza del Duomo e palazzo Corvaja, chiudono il giro. Ci spostiamo nel punto panoramico nella città alta dove poter ammirare “isola bella”. Proseguiamo per la ss.185 e arriviamo alle Gole di Alcantara. Esse non sono state scavate dallo scorrere dell’acqua, ma dalle colate laviche dell’Etna. La temperatura dell’acqua è molto bassa, e camminandoci dentro è possibile visitarne un tratto di qualche centinaio di metri. La tappa successiva è la salita dell’Etna. Noi siamo passati all’andata per Zafferano Etnea. Bellissima la strada con panorami che spaziano da Messina a Catania. Arrivati a quota 2000 la strada finisce, per salire a quota 2500 bisogna usare la telecabina.

Il vulcano Etna

Noi preferiamo passare un paio di ore a passeggiare sulle colate laviche degli anni precedenti per poi prendere la strada del ritorno che passa per Nicolosi. Dall’Etna torniamo verso il mare visto che in quota la temperatura era di circa 18 gradi, ma con il sole sembrava facesse più caldo. Aci Castello. Qui ci fermiamo a visitare quel che rimane di un castello, e gustare una granita al mandarino- limone. Passiamo poi a Acireale, per visitare il duomo e farci un giro per le stradine interne addobbate con tanti chioschi che vendevano di tutto. Non ho capito bene che sagra c’era. Si è fatto tardi, ci fermiamo ad Aci Trezza dove cerchiamo un b&b e lo troviamo facilmente. Appartamento 60mq. 60 euro per la notte. A domani.

 

Terzo giorno, 10 settembre.

Giornata calda e soleggiata.

La colazione andiamo a farla dalla conosciutissima pasticceria “Quaranta” sul lungomare di Catania. Chiediamo una tipica colazione siciliana e ci portano due granite, una al pistacchio e mandorla, una al cioccolato e cocco. Due maritozzi, due coppe di frutta varia. Per chiudere due caffè. 13 euro!

Granita e maritozzo

Si parte per il centro, voglio arrivare a piazza Duomo, e trovo due transenne che delimitano la zona pedonale. È domenica mattina, poca gente in giro, le sposto avanzo per 200 metri e arrivo alla porta che da sul duomo. Mentre parcheggio a ridosso del mercato del pesce si avvicina un tizio che ci dice: lasciate qua le moto con i caschi e le giacche? Io, si certo! E lui: ragazzi stiamo a Catania!!!!! Mi giro intorno e vedo un venditore di frutta, vado da lui e gli dico: mi guardi la moto per tre ore, stendendo una carta da cinque euro? Lui sposta le cassette di frutta e me la fa infilare nel retro bottega, mi dice mettila qui dietro, ma non entrava, allora stacco le valige laterali e passa per un pelo. Apposto. Stiamo tranquilli! Iniziamo dalla grandissima Piazza Duomo e relativa chiesa, compresa la fontana dell’elefante. Percorriamo la via Etnea, poi la via dei Crociferi. Ci addentriamo nel centro storico visitando le varie chiese incontrate. L’anfiteatro romano. Ci spingiamo fino al parco alla fine di via Etnea. Tornando indietro passiamo per il mercato del pesce, oggi è domenica non era aperto totalmente. Alle dodici siamo di nuovo a riprendere la moto. Su consiglio del fruttarolo andiamo a piazza caduti del mare dove c’è una macelleria con relativo braciere in mezzo alla piazza, che ci ha preparato due ottimi panini con carne di cavallo. Proseguiamo per Brucoli e la temperatura da 30 arriva fino ai 35 gradi. Ci fermiamo alle rovine di una fortezza che non era visitabile. Proseguiamo per Siracusa e arrivati, su via scala greca, troviamo un tre stelle che ci lascia la camera colazione compresa a 35 euro. Ripartiamo per la visita al sito archeologico.

Il teatro greco romano di Siracusa

Teatro greco e teatro romano. Orecchio di Dioniso, È quasi buoi e andiamo a parcheggiare la moto nell’isola di Ortigia. Stasera è ZTL pedonale, e lascio la moto poco dopo il ponte.

Piazza Duomo Ortigia

Prima percorriamo la strada che fiancheggia la banchina, poi ci addentriamo nei vicoli del centro storico fino ad arrivare a piazza Duomo. Vediamo palazzo Borgia aperto e con 10 euro ci fanno fare una visita guidata. Ceniamo in un locale caratteristico in un vicoletto strettissimo. Tanti turisti per le stradine. Ortigia, un’isoletta attaccata alla terraferma tramite due ponti, davvero un gioiello. A mezzanotte rientriamo.

 

Quarto giorno, 11 settembre.

Torniamo con la moto sull’isola di Ortigia. Stamattina la ZTL non è attiva, quindi entriamo dal ponte Santa Lucia. Fonte Aretusa e la prima tappa, poi percorriamo tutto il perimetro dell’isoletta, e ci addentriamo nei vicoletti dove la moto riesce a passare. Ogni tanto una sosta per vedere scorci caratteristici. Addirittura riesco ad attraversare piazza Duomo. Il vigile con sguardo guardingo mi blocca, e mi fa presente che lì non posso passare, ma ero alla fine e mi lascia andare. Prendiamo direzione per la riserva naturale Cavagrande del Cassibile. Trattasi di un canyon scavato dall’ acqua in cui si sono formati dei laghetti naturali. Per accedervi bisogna lasciare la moto in cima alla montagna, da dove si gode di una vista panoramica fino al mare, e scendere a piedi lungo il costone della montagna ripidissimo.

Laghetti Cavagrande del Cassabile

Dall’alto si vedevano i laghetti. Il tempo di percorrenza tra discesa e salita è circa 4 ore. Bisogna essere attrezzati con abbigliamento e scarpe da trekking. Noi ci limitiamo a vederli da sopra. Scendiamo e puntiamo il mare a Fontane Bianche. Percorriamo il lungomare e ci fermiamo ad Avola Marina dove in un chiosco direttamente sulla spiaggia, pranziamo con frittura e spaghetti allo scoglio. Proseguiamo per visitare la città  barocca per eccellenza Noto. Lasciamo la moto fuori la porta Reale, e fatto un biglietto cumulativo visitiamo: la cattedrale, il museo civico, il teatro comunale, l’ex convento delle monache di clausura, la chiesa di Santa Chiara con salita sul terrazzo con vista panoramica, Palazzo Ducezio, Chiesa di San Domenico, Palazzo Nicolaci. Usciamo da Noto alle 17:00 per passare alla riserva naturalistica di Vendicari. In origine era una tonnara di proprietà dei Nicolaci.

Cattedrale di Noto

Ancora visibili i resti della tonnara e della torre militare di osservazione. Quattro km a piedi tutto il giro. Ma ne vale veramente la pena. Da qui la prossima tappa è stata Marzamemi, piccolo paese. Anticamente era un borgo di pescatori e nelle loro casette restaurate ora adibite a negozi, bar, ristoranti con la piazzetta davvero sembra di respirare il tempo di una volta. Consigliatissimo. Si è fatto notte e andiamo a dormire a Porto Palo, passando per il famoso paese dei pomodorini “Pachino”. Troviamo un b&b centrale nuovo. Ci lascia la stanza a 60 euro.  Oggi giornata intensissima. Percorsi 150 km.

 

Quinto giorno, 12 settembre.

Giornata soleggiata e calda.

Dopo una ricchissima colazione in terrazza all’aperto vista mare, ci dirigiamo prima a capo passero, poi all’isola delle correnti. Parcheggiata la moto, a piedi raggiungiamo il faro, e a proseguire il punto dove confluiscono il mar Mediterraneo e il mar Ionio. La stranezza è nel vedere le onde delle correnti infrangersi non sulla riva, ma tra di loro. Per questo di chiama “Isola delle correnti”.

Capo Passero

Ci addentriamo nell’entroterra e siamo ad Ispica. Classica cittadina barocca, visitiamo la basilica di Santa Maria Maggiore, e la chiesa dell’Annunziata. Tappa successiva Modica. Qui ci soffermiamo sulla chiesa di San Giorgio, la Chiesa di San Pietro, e pizzo Belvedere il punto panoramico della città. Siamo saliti sulla torre dell’orologio, appena 120 scalini!!!!! Anche qui scorci panoramici bellissimi. Ma una cosa che non ci siamo fatti mancare, è stata la rinomata cioccolata di Modica, insieme all’altrettanto famoso cannolo. Ripartiamo destinazione Ragusa Ibla.

Ragusa Ibla cattedrale di san Giorgio

Iniziamo dai giardini Iblei molto curati e freschissimi. Accanto il portale di San Giorgi. Proseguiamo per il centro storico e sulla piazza principale troneggia il duomo, sempre di San Giorgio. Salendo ancora si arriva al palazzo Arezzo di Trifiletti, purtroppo non visitabile. Torniamo indietro e con la moto ci spostiamo a Ragusa. La cattedrale di San Giovanni Battista e la chiesa di San Giuseppe chiudono il giro. Venti km ci separano alla prossima mèta, il castello di Donnafugata. Una dimora nobiliare di fine ‘800. Ci sono tre piani con 120 stanze. La parte visitabile sono una trentina. Tutt’intorno un ricco giardino con piante secolari. Celebre anche perché location di molti set cinematografici e televisivi. Si sta’ facendo buio, e decidiamo di andare a vedere il tramonto sul mare. Il paese più vicino a tredici km è Puntasecca. Arriviamo che la strada ci porta dritti sul mare. Il sole quasi appoggiato all’acqua, c’è silenzio tutt’intorno. Quando scendiamo sulla sabbia ci accorgiamo che una moltitudine di persone ha avuto la nostra stessa idea. Tutti lì in silenzio ad ammirare lo spettacolo del tramonto. Solo in un secondo tempo realizziamo che siamo accanto alla casa del commissario Montalbano. La location dove realizzano la serie televisiva. È buio e chiedo in piazzetta ad alcune persone un consiglio per la sistemazione notturna. Dopo un rapido scambio di occhiate tra di loro un signore ci offre il suo appartamento momentaneamente sfitto a 70 euro, quasi sulla spiaggia. Con una stretta di mano tutto si concretizza. Ci accompagna nella struttura di nuova costruzione. Ottimo. La moto ce la fa mettere in garage, anche se non c’era problema a lasciarla fuori. Sistemate le borse e dopo una bella doccia, subito al ristorante “rosegarden” a gustare due ottimi primi ai crostacei, con relativo vinello. Passeggiata notturna a fine giornata. Punta Secca. Da non perdere. Delizioso borgo siciliano.Percorsi oggi 150 km circa.

Tramonto da Punta Secca

Sesto giorno, 13 settembre.

Stamane andiamo a fare colazione in un bar sotto la torre della piazzetta. Altro giro diurno nei vicoli del borgo. Da lì decidiamo per il programma della giornata. Anche oggi sole e temperatura sui 28 gradi. Torniamo indietro e percorrendo la provinciale lungomare attraversiamo Marina di Ragusa, Playa Grande, Donnalucata, Marina di Modica, fino ad arrivare a Pozzallo. Rientriamo di nuovo per raggiungere Scicli. Altro gioiello incastonato nella gola formatosi nelle precedenti ere geologiche. Ci sono moltissime grotte carsiche naturali, e vista dal punto panoramico più alto assomiglia a Matera.

Scicli vista dalla rupe

Visitate le chiese più importanti quale quella di San Giovanni, la chiesa di San Matteo e la chiesa Madre. Se avete molto più tempo ce ne sono tantissime altre. Altra tappa importate la citta di Caltagirone, “il paese della ceramica”. Altra città patrimonio dell’Unesco. Ci soffermiamo nel giardino comunale, con annesso museo delle ceramiche, per poi portarsi al centro storico. Posteggiata la moto a ridosso della famosa “scala di Santa Maria del Monte”. Ripidissima con circa 150 gradini che portano dritti alla chiesa di Santa Maria del Monte. Punto panoramicissimo. Ogni sottogrado è rivestito da maioliche di varie fogge. Altro spettacolo da non perdere in successione, è la villa Romana del Casale di Piazza Armerina.  Patrimonio dell’Unesco. Ci spostiamo direzione Agrigento, e ci colpisce un paese arroccato su una collina. Pietraperzia. Arriviamo nella parte alta dove un tempo sorgeva un Castello. Nella Piazza centrale chiediamo di un b&b e subito delle persone iniziano a telefonare. Li tutti si conoscono e subito arriva una stanza. Alla richiesta di un ristorantino uno di loro mi fa “venite a cena da me, ho il ristorante qui sotto”. Bella serata, calda, arriviamo e il ragazzo tira fuori i tavoli, blocca la strada e apparecchia all’aperto. Il proprietario si intrattiene con noi raccontandoci della vita di paese. Troppo forti da queste parti. Ottima cena con prodotti locali. Alla fine ci portano a visitare la parte vecchia del paese a piedi, facendoci notare su di una parete ammuffita di salnitro di una vecchia abitazione, la figura del volto di padre Pio.

 

Settimo giorno, 14 settembre.

Giornata soleggiata. Temperatura 27 gradi.

Dopo una buona colazione imposto sul navigatore Agrigento. C’è da percorrere la strada a scorrimento veloce per ottanta km, che passa sotto Caltanissetta. A questo punto devio e saliamo su per la città.  Qualcosa da vedere ci sarà anche qui. Arrivati in centro parcheggio accanto ad una chiesa che altro non è che la cattedrale. Anche qui il barocco regna sovrano. Bellissima. Andiamo nella parte est della città per visitare il castello di Pietrarossa, ovvero quel che ne rimane, ma una serie di sbarramenti alla strada che saliva mi riportano giù. Lo vediamo da lontano. Via, direzione Valle dei Templi.

Il tempio della Concordia

Qui da vedere ce n’è davvero tanto, almeno tre ore. Qui si trova uno dei maggiori complessi archeologici del mediterraneo, in un ottimo stato di conservazione. Tra tutto spicca il tempio della Concordia, conservato in modo eccezionale. Dalla valle passiamo al museo, e poi andiamo ad Agrigento per una visita veloce e un panino. Riprendiamo nel tardo pomeriggio la strada costiera, e dopo Porto Empedocle ecco che la falesia che divide la strada dal mare diventa bianchissima. E’ la “scala dei turchi”.

La scala dei turchi

Scendiamo sulla spiaggia accanto per poi risalire la falesia che è fatta a gradoni. Impressionante. L’ultimo di gradone da direttamente sul mare dopo un salto di 20 metri, e senza nessun tipo di protezione. Facciamo una passeggiata di un paio di ore e risaliamo per finire la giornata a Siculiana marina, dove un ragazzo ci dà un appartamento tutto per noi a 60 euro. Naturalmente vista mare. Bellissimo posto con un golfo e spiaggia grandissima. Di questi tempi vuota. Ci godiamo il tramonto e poi a cena. Stasera un antipasto e due tagliolini al “morru”. Erano buonissimi. Andiamo a letto dopo una passeggiata nel piccolo borgo.

 

Ottavo giorno, 15 settembre.

Anche oggi giornata soleggiata e più calda del solito, sopra i trenta gradi.

Tramite la ss.115 ci dirigiamo a Sciacca. Facciamo un giro al centro storico, con visita alla cattedrale, poi scendiamo nel piccolo porticciolo turistico. Avvistato un bar pasticceria, e fatto colazione con cannoli e paste di mandorla. Ora stiamo meglio, e via al sito archeologico di Selinunte.

Tempio di Selinunte

Questa era un’antica città greca, ora trattasi del sito più grande in Europa. Stiamo lì un paio d’ore, poi puntiamo su Mazara del Vallo.  Pranziamo in una trattoria al centro del paese, con una spesa minima e ottimi piatti. Ci portiamo al centro storico dove è ubicato il museo archeologico. Posto in una ex chiesa dei Gesuiti e oltre a molti reperti del patrimonio sommerso, e in bella mostra “Il Satiro danzante”. Scultura di bronzo del quarto secolo a.c. trovata a 500 metri sotto il mare da alcuni pescatori. Raffigura un giovane dalle sembianze perfette che volteggia. Proseguiamo per Marsala e anche qui al museo civico, ci facciamo un giro. Pregevole, la ricostruzione di una parte di una nave punica del terzo secolo a.c., unica in tutto il mondo. Il programma di viaggio finisce qua. Invece di andare a Palermo a prendere il traghetto per il ritorno, decidiamo di attraversare la Sicilia nella parte centrale per portarci a Messina e traghettare. Da Marsala puntiamo verso la valle del Belice. Prima Salemi, poi Santa Ninfa, Gibellina Nuova, e Gibellina vecchia. Dove a ricordo è stato costruito un monumento chiamato il “Cretto di Burri” opera moderna molto particolare. I segni del terremoto del ’68 sono ancora evidenti. Il paese che in parte è rimasto in piedi e quindi visitabile è Poggioreale. Sembra un fantasma ma all’improvviso appare un signore anziano che ci fa visitare quel che rimane in piedi. Il nuovo paese ricostruito più in basso sulla pianura, a seguire troviamo Salaparuta anch’esso ricostruito. Siamo stanchi ci fermiamo, mangiamo una pizza e via a nanna in un b&b molto grazioso. Oggi abbiamo fatti parecchi km. Circa 300.

 

Nono giorno, 16 settembre.

Giornata soleggiata e caldissima, nelle ore centrali toccato i 36 gradi.

Oggi giornata di trasferimento. Ale otto e mezza siamo pronti. Decidiamo di attraversare la Sicilia centrale, tramite strade secondarie. Percorso effettuato: da Salaparuta, Contessa Ermellina, Campofiorito, Corleone. Prizzi, Filaga, Lercara Friddi, Roccapalumba. Vallelunga Pratameno, Alimena, Blufi, Gangi. Nicosia, Troina, Cesaro’, Randazzo. Solicchiata, Linguaglossa, Fiumefreddo. Autostrada fino a Messina, traghetto, poi autostrada fino a Falerna Marina. Percorse strade statali (la ss 120 che fa pena), strade regionali, provinciali, ed anche vicinali(sterrate). Tutte le strade percorse erano in condizioni davvero da paura. Solo da Randazzo in poi condizioni soddisfacenti. Percorsi 600 km Trovato hotel con ristorante uscita autostrada Falerna. Domani ultimi 500 km e siamo a casa.

 

Decimo giorno, 17 settembre.

Anche oggi giornata soleggiata. Alle otto e mezzo partiamo. Mancano esattamente 560 km a casa. All’altezza di Salerno nuvoloni e qualche goccia di pioggia. Poi sole, arriviamo alle tredici.

Bel viaggio, bella vacanza. La Sicilia, come del resto ci aspettavamo, terra bella e ospitale. Nessun problema a noi e alla moto. Il totale dei km percorsi  ammonta a 3.000 e spiccioli.

Per visionare l’album delle foto cliccate QUI.

Viaggio in moto in Marocco, Aprile 2014.

Report del viaggio in moto in Marocco dal 14 aprile al 3 maggio 2014.

Massimo e Flavia in Marocco
Massimo e Flavia in Marocco

Il nostro Marocco.

Ciao a tutti, dopo l’esperienza Tunisina dello scorso anno in Africa, mi ero ripromesso di tornarci con Flavia per visitare il Marocco.Visto che il TEAMGSBIKERS non ha programmi in proposito per quest’anno, dopo aver consultato i siti di vari Tour Operator , la scelta finale è stata: “ andiamo per conto nostro”!

Così sbirciando per la moltitudine di siti, e leggendo i report di persone che hanno
vissuto questa fantastica esperienza in moto e non, abbiamo fatto un programma
dei luoghi da visitare, e delle strade da percorrere, cercando di ottimizzare
al massimo il tempo a nostra disposizione. E durante questa ricerca mi sono imbattuto in un sito che non conoscevo
si chiama http://www.bambinineldeserto.org/.

Si tratta di un’organizzazione umanitaria i cui obiettivi sono la lotta alla desertificazione, e l’autonomia alimentare nel Sahara e nel Sahel. Ho contattato i responsabili del team BnD Biker, manifestando la volontà di
poter partecipare in qualche modo con un aiuto concreto . Mi hanno risposto immediatamente, comunicandomi l’indirizzo di un villaggio sperduto ai confini dell’Algeria nelle dune dell’Erg Chebby, nei pressi di Merzouga,
dove i maestri di una scuola elementare Paloma e Salem essendo già stati informati del nostro viaggio ci aspettano .

Porterò loro materiale didattico.
Per loro , una penna, una scatola di pastelli, un album da colorare , un quaderno,
sono beni preziosi, quasi introvabili. Sono 2 pacchi da 10 kg. cadauno.

IL PROGRAMMA

Partenza il 17 aprile, ritorno il 4 maggio 2014 . Tenendo conto del tempo di trasferimento, di quattro giorni tra andata e ritorno da Ceuta, il tempo del tour Marocchino è di 13 giorni pieni. Premetto che non ho fatto alcuna prenotazione, ne  della nave Civitavecchia – Barcellona , ne degli alberghi dove alloggeremo la sera, perché il programma di massima che abbiamo potrebbe essere soggetto a variazioni date dalla meteorologia, dalla stanchezza, dal fatto che possiamo cambiare itinerario in qualsiasi momento senza limitazione alcuna.

Programma di viaggio:

Giovedì 17 aprile: ore 22:00 imbarco da Civitavecchia per Barcellona.
Venerdì 18: Arrivo a Barcellona ore 18:00 circa e proseguo direzione Valencia. Albergo. Km. 300

Sabato 19: Partenza di buon mattino per Algeciras , arrivo ore 20:00,
imbarco con traghetto, ore 22:00 a Ceuta. Albergo. Km. 900

Domenica 20: Panoramica del Rif. Da Ceuta, Tetouan, Chefchaouen, ketama, Targuist,Taounate, Fes. Albergo. Km. 430

Lunedì 21: Da Fes, Ifrane, Azrou, strada turistica “ valle dei cedri”,pista sterrata parco nazionale“ aguelma egigza “, pista cirque du jaffar, Midelt. Albergo.
km. 400

Martedì 22 : Da Midelt, Rich, gole du zirz, Errachida, Erfound, pista sterrata R 702 direzione Merzouga. km 370. Parcheggio moto in Hotel e tramite dromedario , con circa un’ora raggiungere l’accampamento berbero nel pieno dell’ERG CHEBBI,dove assistere al tramonto e cenare e dormire in tenda.

Mercoledì 23: Giornata interamente dedicata alla consegna del materiale didattico
ai bambini del villaggio ad Hassi Labiad. Km 10.

Giovedì 24: Partenza per Tinerhir, gole du Todra, pista sterrata R 704 Gole du Dades, Boumalne Dades. Albergo Km 350.

. Venerdì 25 : Boumalne Dades, kelaat m’ Gouna, fare il giro della “ valle delle rose”,Ouarzazate, Ait-Benhaoud, valle delle meraviglie, pista sterrata P 1506 Telouet,passo Tizi-n- Tichkla , Ait Ourir. Albergo. Km. 250.

Sabato 26 :Ait Ourir, Tananaoute, Asni, passo Tizi-n- Test, Taroudant, Agadir.
Albergo km 250.

Domenica 27: Agadir, Essaouira, Marrakech.Albergo.km. 350.
Lunedì 28: Marrakech. Albergo km. 0.

Martedì 29: Marrakech, cascate di Ouzoud, diga di Bin el Ouidane, Casablanca.
Albergo. km. 400.

Mercoledì 30: Casablanca, Asilah . Albergo km. 300.

Giovedì 1 Maggio : Giornata di mare ad Asilah , la sera imbarco da Ceuta per la Spagna, Algeciras. Albergo . km. 100 .

Venerdì 2 maggio Algeciras, Almeria, visita ai villaggi Western, proseguo per Alicante. Albergo. km. 650

Sabato 3 maggio : Alicante Barcellona km 550, ore 22:00 imbarco per Civitavecchia.

Domenica 4 maggio : Ore 20: 00 arrivo a casa. km. 120

Chilometri totali in moto circa 6.000.

Questo è il programma che abbiamo fatto seduti davanti al pc. Quello che effettivamente svolgeremo, cercheremo di trasmetterlo a voi tramite piccoli report e foto quotidiane. Ho inserito volutamente dei percorsi in piste sterrate dal fondo duro e compatto, niente piste sabbiose vista la mole della moto con passeggera e valigie. Per la moto, oltre al classico tagliando, al kit antiforatura e qualche attrezzo di base , non prevedo nulla di particolare. Per la gommatura ho optato perle Heidenau k60 scout. Ho invece previsto di fare un’assicurazione Europassistance per la durata del viaggio, che mi copre in caso di guasto moto, incidenti, infortuni ecc. ecc. , oltre a quella che dovrò fare alla frontiera come complemento alla R.C. italiana. Come linea guida userò la carta stradale Michelin 742. Per il pernottamento, partirò da casa con una lista di alberghi “consigliati”, poi si vedrà sul momento. Sul navigatore Tom Tom rider, caricherò la carta stradale del Marocco, indispensabile per districarsi nelle grandi città, e trovare gli alberghi velocemente.

Il giorno della partenza con il nostro nipotino.

Primo giorno, giovedì 17 aprile.

La nave salpa in direzione Barcellona, da Civitavecchia alle ore 22:00. Alle venti siamo già al porto, devo acquistare il biglietto. Una cena frugale e imbarco immediato. Sulla nave incontro il mio istruttore di delta e parapendio, con il quale nel 1990 mi sono brevettato, e abbiamo fatto parecchi voli insieme. Erano venti anni che non ci vedevamo, e le cose da raccontare erano tante. Anche lui appassionato di moto, faceva un viaggio nella Spagna centrale con la moglie.

 

Secondo giorno, venerdì 18 aprile.

Giornata passata sulla nave. Alle diciotto sbarchiamo a Barcellona, e subito prendiamo direzione Valencia, vogliamo percorrere una parte dei 1170 km che ci separano da Algeciras, il porto di imbarco per il Marocco. Inizia a fare buio e ci fermiamo a Port de Sagunt, dopo 300 km circa. Troviamo subito un albergo e un ristorantino.

 

Terzo giorno, sabato 19 aprile.

Giornata soleggiata, temperature sui 24-28 gradi.

Percorriamo tutta la strada costiera spagnola, Valencia, Benidorm, Alicante, Cartagena, Almeria, Malaga e dopo 800 km alle 17:00 siamo al porto di Algeciras. Quaranta minuti e il  traghetto  ci sbarca a Ceuta, enclave spagnola in Marocco. Alla frontiera inizia la tiritera con i poliziotti marocchini. Aspetta qua, vai di la, vai in quell’altro ufficio, torna con il timbro…. Finché non si presenta un tizio che parlava italiano e si proponeva con venti euro di velocizzare la pratica di ingresso. Accetto e infatti ci fa saltare la fila, e ci porta davanti all’ultimo cancello. Dopo aver parlato con il poliziotto di turno ci fa aprire la sbarra e siamo “liberi”. Nel piazzale successivo ci sono una fila di baracche. Sono le casette delle agenzie assicurative. In Marocco la nostra assicurazione non vale, bisogna integrarla con una polizza locale. Bussiamo ad una di esse e ci apre un tizio che ci propone una polizza per un mese al costo di novanta euro. Accettiamo. Siamo a posto. Percorriamo una ventina di km di lungomare e avvistiamo un albergo a otto piani. E’ della catena Ibis, il nostro preferito. Chiedo e hanno una camera con colazione a 60 euro. O.k.

Ceuta.

Chefchaouen.

Quarto giorno, domenica 20 aprile.

Giornata a tratti nuvolosa. Temperatura 24 gradi.

La destinazione di oggi è Fes, una delle quattro città imperiali Marocchine. Percorriamo la strada panoramica del Rif, che da Ceuta passa per Tetouan, poi Chefchaouen, Issaguem con arrivo a Fes.  Intanto ci siamo resi conto di come guidano qui. Siamo incappati in un incidente mortale tra un furgone e un’automobile, e poco dopo tra moto e auto. Un francese su adv, ma sembra nulla di grave. La moto da carro attrezzi. La strada 350 km di curve, asfalto tipo vetro, Flavia che ogni curva mi diceva attento qua, attento la……… Comunque tutto bene. Arrivati a Fes mi fermo e inizio a cercare un albergo con il navigatore, opto per il solito Ibis, alle 20:00 siamo sotto la doccia. Pranzato con due arance, la cena invece con un pacco di biscotti.

Strada per Fes.

Una delle porte di Fes.

Quinto giorno, lunedì 21 aprile.

Giornata soleggiata.

Oggi giornata turistica. Niente moto. Siamo a Fes, e iniziamo con il trovare una guida ufficiale che parla italiano per farci accompagnare nella medina, dove ogni guida turistica la descrive come un luogo poco sicuro, e dove ci si perde con facilità. Trovata la guida 3 ore in giro all’interno di questa città nella città. Ci porta alla fine alla conceria. Una cosa assurda. Una puzza di guado di piccione nauseante, ma la cosa che ti fa inorridire, sta nel vedere questi uomini che stanno all’interno delle vasche dove si preparano e colorano le pelli a contatto con questi prodotti chimici. Durante la visita ci siamo resi conto che di pericoloso non c’è nulla. Infatti appena la guida ci ha lasciato ci siamo addentrati da soli percorrendo vicoli prima inesplorati, e trovando la via di uscita delle varie porte agevolmente. Da visitare assolutamente.

La conceria.

Interno della medina.

Sesto giorno, martedì 22 aprile.

Stamane a Fes è nuvoloso e ci prepariamo molto coperti dato che si sale. Infatti nei pressi di Ifrane, una cittadina costruita dai francesi sullo stile di s. Moritz la temperatura scende fino a tre gradi, pioviggina. Indossiamo l’antipioggia, ma tutto dura una trentina di km. Ci affrettiamo a scendere e trovato un bar ci gustiamo un caldissimo tè alla menta. Stendo la cartina sul tavolo e pianifico l’itinerario per arrivare a Midelt, non per la strada nazionale, ma attraverso stradine nei magnifici boschi di cedri e conifere.Il sole torna a splendere, e la temperatura torna a livelli di 24-28 gradi. La strada sembra mezza asfaltata il navigatore mi dice 70 km…..vado, ma poco dopo inizia lo sterrato con parecchi punti fangosi. 3 ore per fare 60 km, panorami e posti incantevoli. Flavia spesso scende ed io fatico non poco a passare. C’éra stato un temporale nei giorni scorsi e in parecchi tratti, dei piccoli smottamenti del terreno creavano non poco disagio. Durante il percorso abbiamo incontrato 3-4 piccoli villaggi composti da 4 case in paglia e fango. Sembravano disabitate ma al nostro arrivo sulla strada appariva sempre qualche bambino che si sbracciava per salutarci. Io mi fermavo sempre. Non potete immaginare che tenerezza …..I loro occhi luccicanti …..tendevano la mano…..facevano vedere che erano senza scarpe e con i vestiti stracciati. Noi regalavamo a loro caramelle, erano contentissimi….Abbiamo trovato sempre persone dignitose quando ci fermavamo sempre qualcuno ci veniva incontro per sapere se avevamo bisogno di aiuto. Un lavoratore della strada si prodiga con un misto di berbero e francese a indicarci la strada….alla fine si inginocchia e ci disegna il bivio sullo sterrato….mentre ci allontanavamo continuava a ripetere a destra…a destra. Tornati sulla nazionale al benzinaio, ci accorgiamo che la giacca antipioggia di Flavia l’abbiamo persa. Percorriamo qualche km e arriviamo a Midelt. Usciamo dalla città e a lato della strada notiamo un resort stile arabo. Ci danno una camera spaziosa e la cena “marocchina”. La moto ce la fanno mettere dentro all’ingresso. In tutto paghiamo colazione compresa 60 euro.

Bambina del villaggio che ci salutava.

La strada !

Nel ruscello.

Settimo giorno, mercoledì 23 aprile.

Giornata bellissima, temperatura sui 30 gradi.

Proseguo del viaggio direzione Merzouga. Strade meravigliose. Ci sono da fare 250 km circa. Percorriamo la N.13, fino ad incontrare “il tunnel del legionario”. Trattasi di un tunnel scavato nella roccia dai legionari francesi nel 1930.  Esso delimita l’ingresso alle gole dello Ziz. Il canyon, lungo 80 km, si snoda tra le colline. Ci fermiamo a Erfound, grande città. Notiamo un supermercato stile europeo e visto l’ora acquistiamo panini e frutta per il pranzo. Invece di proseguire per la nazionale vado a cercare la strada sterrata r 702. Una cosa allucinante, circa 40 km di pista dal fondo durissimo, e scalettata. Le vibrazioni alla moto erano tante che pensavo di arrivare con la moto smontata. Ogni 10 km ci fermavamo a controllare se tutto era ok.

A Merzouga c’è l’Erg Chebby. Si tratta di una formazione sabbiosa con dune alte fino a 150 metri che si protrae per una ventina di km. Telefono a Paloma, una ragazza slovena di 32 anni, che parla cinque lingue compreso l’arabo, la quale si occupa di recapitare nei vari villaggi i generi che arrivano dall’Europa. Lei mi dà l’indirizzo di un resort nel quale aspettarla, e dove possiamo dormire, ai margini del deserto. Il caldo si fa sentire, siamo a 35 gradi, e dopo il disbrigo delle formalità ci immergiamo nella piscina del resort. Arriva Paloma ci dice di lasciare la moto nel resort e seguirla. Sono arrivati dall’Italia delle persone con un camion, per conto dell’organizzazione “bambini nel deserto”, la stessa con cui avevo preso i contatti io. Una pura casualità.  Portano generi di prima necessità, (zucchero, farina, riso, scatolame vario), prodotti medicinali da banco (garze, disinfettanti, forbici, cerotti, ecc. ecc.) e dei giochi per un parco che devono allestire nei pressi della scuola. Con loro anche delle persone che viaggiano per piacere su fuoristrada. Siamo diretto ad Hassi Labiad, un piccolo villaggio a una decina di km dal resort. Noi desiderosi di lasciare il nostro piccolo contributo di materiale didattico alla scuola li seguiamo. La strada sterrata compatta ad un certo punto diventa sabbiosa. La moto diventa inguidabile e dico a Paloma se Flavia può sedersi in un fuoristrada. Proseguo da solo ma per due volte cado a velocità ridottissima. Arrivo comunque al villaggio e ci rechiamo nella scuola dove lascio tutto il materiale alla maestra. I bambini contentissimi nel vedere tutti gli album colorati, le matite, i quaderni. Con i ragazzi dell’associazione scarichiamo i giochi dal camion e iniziamo a scavare le buche nel piazzale antistante la scuola, per posizionare i giochi. Un ‘altalena, un asse a dondolo, un girandola. I bambini tutti gioiosi e contenti. Ad un certo punto arrivano i genitori a prelevare i bambini da scuola e si associano alla festa improvvisata. Si è fatto buio, dobbiamo tornare al resort. Mi affianco al fuoristrada di Paloma che mi fa luce nella pista desertica, e che comunque mi indica la strada. Ad un certo punto ci perdiamo il camion che avevamo dietro. Paloma si ferma e mi fa: aspettami qui non ti muovere vado a vedere cosa è successo e torno. Sono le nove di sera e qui ve lo assicuro buio pesto. Solo le stelle che brillano in cielo si possono vedere. Aspetto, aspetto, e dopo due ore vedo delle luci. Erano loro. Si era rotto un tubo del gasolio al camion e riparato al volo, alle ventitré siamo al resort. Giornata davvero emozionante. Svuoti le valigie, ma torni a casa con bagaglio culturale arricchito e nella mente impressi i sorrisi di questa gente. Andiamo a cena in un villaggio poco distante dal resort, una specie di ristorante, dove gustiamo pietanze esclusivamente locali! Dopo cena abbiamo assistito a una danza caratteristica berbera, attorno ad un grande falò acceso.  Tipico spettacolo per turisti!

Sulla sterrata per Merzouga.

Le dune del deserto.

Nella scuola del villaggio.

Ottavo giorno, giovedì 24 aprile.

Oggi sempre con Paloma e i ragazzi dell’associazione facciamo il giro dell’Erg, per portare altri prodotti ai piccoli villaggi e accampamenti berberi. Riesco a trovare due posti in un fuoristrada, e iniziamo il giro. Ci fermiamo in una tenda di un accampamento nel deserto. Qui abita una signora, tre galline, una capra grande, due capretti, un asinello. L’acqua è in un pozzo collettivo a 1 km di distanza. Il marito l’ha lasciata li sola con 3 figli. Stava cuocendo in un fornetto di pietra con un fuoco fatto di cespugli, delle pizzette per i figli, e quando siamo arrivati non ha esitato un attimo a offrirle a noi con del thè alla menta. Le abbiamo lasciato farina, zucchero, thè, ed altri generi alimentari non deperibili. Abbiamo fatto un giro nei vari villaggi, e tutte storie di miseria. Tornati nel pomeriggio, prenotiamo un tour nel deserto tramite dromedari per arrivare ad un’oasi e passare lì la notte. Ci accompagnava un berbero con due dromedari, uno per me l’altro per Flavia. Percorsi i primi 500 metri in groppa al dromedario, dico all guida di farci scendere. Noi abituati alla sella comoda della moto, sembra che ad ogni passo dell’animale dovevamo cadere giù. Ci siamo fatti circa due ora a piedi. In prossimità dell’oasi c’éra una duna altissima, e decidiamo di scalarla per vedere il tramonto. Sara stata alta centocinquanta metri, e arrivati in cima non senza qualche difficoltà, il panorama ci ha ripagati dello sforzo. Per scendere abbiamo sfrutta la forza di gravità e scivolando sulla sabbia a poco a poco siamo arrivati giù. Nell’oasi ci hanno fatto accomodare nella nostra tenda e poi ci hanno invitato ad una cena caratteristica con prodotti locali e canti e balli in rigoroso stile “berbero”. Chiudiamo la serata a guardare il cielo limpido privo di luci artificiali.

La scuola nel villaggio.

I mezzi dell’associazione.

la “casa” in mezzo al deserto.

Il villaggio di Hassi labiad.

Nono giorno, venerdì 25 aprile.

Giornata soleggiata e calda.

Stamattina sveglia presto per ammirare l’alba sempre dalla cima della duna. Ci arrampichiamo appena in tempo a vedere lo spettacolo. Alla discesa ci aspetta una ricca colazione e la guida che ci porta indietro. Noi decliniamo l’offerta e ce la facciamo a piedi fino al resort. Riprendiamo la moto e ci prepariamo ad affrontare il percorso che ci porterà a visitare “le gole del Todra e del Dades”. Torniamo indietro e al bivio giriamo a sinistra per Alnif, proseguiamo per Tinghir e da qui inizia il percorso delle due strade la r703 e la r704 quasi tutto sterrato ad anello che passa prima per le gole del Todra e in finale del Dades. Almeno 60 km di pista di montagna semidesertica. Nel tragitto abbiamo incontrato solamente due pastorelli che pascolavano il gregge. Ci hanno chiesto una bottiglia di acqua. Completato il giro delle gole arriviamo a Boumalne Dades. E’ tardi, quasi buio e ci apprestiamo a trovare un resort per dormire. Lo troviamo subito, e il ragazzo all’esterno ci dice che ci guarda la moto per tutta la notte. Noi totalmente impolverati, in camera dobbiamo lavare sia gli zainetti, sia le tute. La cena sempre alla marocchina “tajine”. Si tratta di un vaso di coccio con dentro non sai mai cosa. Stufato di carne, riso, polpette di pollo, agnello con tanti di quegli aromi che solo se hai fame lo mangi e sembra buono! Bellissima giornata, anche tragicomica, per via della rottura del parafango posteriore della moto, e del meccanico in un villaggio che ce l’ha riparato. Non posso trascrivere tutta la scena, bisognava viverla. Le risate non sono mancate. Intorno a noi una moltitudine di ragazzi. Ognuno diceva la sua. Io guidavo le operazioni, ma dovevate stare lì, tra berbero, inglese, francese, spagnolo, italiano…..il soprannome del meccanico era cica cica. Che ridere. Alla fine l’appiccicatura che ha fatto è durata 2 km di sterrato.

Le dune.

Noi con i dromedari.

Dal meccanico!

La strada delle gole.

Decimo giorno, sabato 26 aprile.

Usciamo dal resort e subito il parcheggiatore ci fa capire che la moto è a posto perché lui è stato tutta la notte a fare la guardia. Gli regalo cinque euro, faceva salti di gioia. Riprendiamo il viaggio tramite strada N.10 attraversando la valle delle rose. Questo è il periodo della raccolta e vediamo attorno ai cespugli tantissime persone intente a raccogliere con delicatezza i petali delle rose. Proseguiamo per Ouarzazate e giriamo in direzione Marrakech, ma dopo pochi km un cartello ci dà l’indicazione per il sito di Ait-Ben Hoddou. Si tratta di una città fortificata costruita con fango e paglia intorno al 1700. E’ stata scelta come sito per girare moltissimi film. Lasciamo la moto sulla strada, e guadiamo il fiume (in secca) per arrivare al sito. Il turismo di massa qui è esagerato. All’interno tantissimi negozi e botteghe di artigiani. Tutti vogliono venderti qualcosa. Proseguiamo per questa strada, la P 1506 che è quasi tutta sterrata, ma ci sono lavori in corso per asfaltarla. Arriviamo al passo Col-Du-Tichka a quota 2260 mt. La temperatura si attesta sui 20 gradi. Riprendendo la N.9 che dopo una serie interminabile di curve, ci porta a Marrakech.  Mentre imposto il navigatore per dargli l’indirizzo dell’hotel si avvicina un ragazzo in motorino proponendo di accompagnarci. Io gli faccio notare che ho il navigatore e lui continua a farfugliare. Parto, dopo 10 minuti mi trovo nella giungla di stradine, un caos indescrivibile, la strada a poco a poco è diventata strettissima che la moto non passava più. Sono costretto a fermarmi. Un traffico di carretti, motorini e persone. Mi si parano davanti vari ragazzi uno mi chiede 50 euro per portarmi in albergo. Al mio rifiuto tutti si allontanano. Chiedo ad altri ma stessa cosa.  Ad un certo punto passano in due su un motorino scalcinato, li fermo sventolando un biglietto da 5 euro. Gli faccio leggere l’indirizzo dell’hotel, mi accompagnano. Tutto risolto. Il resort, che avevo segnato su un foglietto l’indirizzo datomi da certi bresciani incontrati il giorno prima, non aveva camere disponibili. Ma quello accanto si ed era anche più bello. Metto la moto in garage, e percorsi 700 mt siamo nella celeberrima piazza Jamaa El Fna. Maghi, incantatori di serpenti, prestigiatori, venditori di acqua, ammaestratori di animali, musicisti, mangiafuoco. Tutto e di più. Tantissimi chioschi che preparano i cibi più disparati. Noi ne scegliamo uno a caso e ci accomodiamo. Tutto squisito. Continuiamo a girare per la piazza tutta illuminata, e saliamo sulla terrazza di un bar posto sulla piazza, per vedere meglio lo spettacolo. Davvero unico. Oggi giornata soleggiata e caldissima. Percorsi circa 300 km.

Il kasar Hait Ben Haddou.

Il passo col de Tizi n’tichka.

La strada che scende verso Marrakech

Undicesimo giorno, domenica 27 aprile.

Giornata soleggiata e caldissima, 37 gradi nelle ore centrali.

Giornata interamente dedicata alla visita della capitale. Iniziando dalla medina per poi recarsi al minareto, ai giardini Majorelle. Il pomeriggio ci siamo piazzati sulla terrazza di un bar che da sulla piazza, e ci siamo gustati tutta la preparazione di come essa si trasforma per diventare quando è buio, il luogo più incantevole della città.

Sulla piazza Jamaa el fna di Marrakech.

La piazza di Marrakech.

Dodicesimo giorno, 28 aprile.

Giornata soleggiata e calda.

Stamattina partenza di buon mattino da Marrakech direzione Cascate d’Ouzoud. Ho preso di proposito una “strada tortuosa” e dopo una marea di curve, con panorami che ti stupiscono arriviamo alle cascate. Con una guida locale abbiamo girato l’intero sito. Davvero una meraviglia della natura. L’acqua sgorga come d’incanto dalle viscere della terra. Proseguiamo per la diga di Bin el Ouidane. Uno sbarramento artificiale che forma un lago dal color turchese. Vista l’ora tarda scendiamo dall’atlante alla volta di Casablanca, 200 km di strada piana ma sempre interessante. Andiamo diretti alla moschea, è chiusa, prendiamo nota degli orari. Cerchiamo un albergo, e il solito Ibis, con parcheggio interno ci accoglie. A domani per la visita.

Le cascate di Ouzoud.

La moschea di Hassan 2 a Casablanca.

Tredicesimo giorno, 29 aprile.

Giornata soleggiata e calda.

Subito ci dirigiamo alla visita della moschea di Hassan 2°, la più grande del Marocco. Impressionante la grandezza dell’edificio, e del piazzale. Il minareto è alto 210 metri. Prenotiamo una visita con guida in lingua italiana, e tolte le scarpe iniziamo. All’interno tutto un susseguirsi di esclamazioni di meraviglia. Finita la visita mentre ci rechiamo al parcheggio incontriamo i nostri amici Elisabetta e Gianluca. Ci siamo conosciuti l’anno scorso quando abbiamo fatto un tour in Tunisia con la moto. Anche loro facevano il tour del Marocco, in moto con un gruppo di Italiani. Dopo i saluti e la foto di rito, partiamo alla volta di Rabat, la capitale amministrativa del Marocco. La troviamo molto caotica. Ci fermiamo accanto al palazzo reale, e i sontuosi giardini, ma il servizio d’ordine ci fa allontanare. Puntiamo su Meknes, altra città imperiale del Marocco. Anche qui una visita alla medina, alle mura di fortificazione e alla piazza principale, che sembra una miniaturizzazione di quella di Marrakech. Da qui tramite stradine secondarie, arriviamo a Volubilis, dove troviamo una pensioncina che con 20 euro ci da la camera e la colazione.

Drink sulla piazza di Meknes.

Volubilis antica città Romana.

Quattordicesimo giorno, 30 aprile.

Giornata soleggiata e calda.

Iniziamo la visita del sito archeologico romano, con L’arco di Caracalla, la basilica romana, i resti di un acquedotto e delle terme. Il giro del Marocco volge al termine. Prendiamo direzione mare per la citta di Asilah, sempre tramite stradine secondarie. Arrivati, ci spariamo una frittura gigante, una passeggiata sulla spiaggia, e ripresa la moto percorriamo tutta la strada litoranea che ci porta al porto di Tangeri. Ci accorgiamo che il traghetto è in partenza e dopo una rocambolesca trattativa con un faccendiere del luogo, riusciamo a saltare la lunghissima fila, e ottenere timbri di uscita e biglietto della nave con un supplemento di 20 euro! Imbarco immediato e tramonto gustato dal ponte superiore. Sbarchiamo ad Algeciras che sono le dieci e andiamo alla ricerca dell’hotel. Subito trovato.

Sul traghetto per la Spagna.

Dietro ad un camion.

Quindicesimo giorno, 1 maggio.

Giornata soleggiata e calda.

Questa mattina ci svegliamo di buon ora e decidiamo di impiegare questi due giorni per raggiungere Barcellona, visitando la Spagna centrale. Granada, e poi sempre su strade secondarie direzione la citta di don Chisciotte. Dopo aver attraversato distese infinite di olivi, vigneti e campi di grano. Mi trovo ora all’interno di un mulino a vento nella città di Alcazar de San Juan. Ne visitiamo un paio e vogliamo arrivare a Saragozza. Dopo 900 km da questa mattina, alle undici della sera siamo in centro. Stanchissimi e infreddoliti. Cerchiamo una stanza e dopo due-tre tentativi, un signore ci accompagna in una dependance della sua pensione. Lascio la moto con tutti i bagagli fuori sulla strada,  e noi ci buttiamo sul letto sfiniti.

I mulini a vento.

Saragozza dal campanile.

Sedicesimo giorno, 2 maggio.

Giornata soleggiata e calda.

Stamattina fino alle due, interamente dedicata alla visita di Saragozza. Bellissimo centro storico, belle la cattedrale de Nostra Signora de Pilar, e quella di San Salvator. Fra poco avvicinamento a Barcellona dove alle 22 parte il traghetto per Civitavecchia. Dopo la visita a Saragozza visto che avevamo ancora 8 ore prima di salire sul traghetto, rapido trasferimento a Lleida ad ammirare la maestosa cattedrale, con salita sul campanile tramite 250 gradini. Che fatica! Ma che panorama! Ci rimane ancora qualche ora, allora tramite stradine secondarie arriviamo a Tarragona. Visita alla cattedrale e ad un antico porto romano. Il tempo stringe percorriamo la bellissima strada litoranea per Barcellona .Alle 21 siamo al porto, il tempo di fare il biglietto e via a bordo. Lasciamo la Spagna sempre affascinante.

Lleida.

Tarragona.

Diciassettesimo giorno, 3 maggio.

Giornata passata sul traghetto, compresa una sosta a porto Torres, alle otto della sera sbarchiamo a Civitavecchia. Alle dieci siamo a casa.

 

Epilogo.

Ecco terminata questa nostra vacanza “marocchina”. Che dire? Il Marocco è un paese bellissimo. Montagne, pianure, deserti, grandi città, piccoli villaggi. Ogni angolo è una nuova scoperta. Siamo partiti con un po’ di timore, e invece abbiamo incontrato gente sempre ospitale, si a volte un po’ invadenti ma sempre nella norma. La missione “bambini nel deserto”, ci ha fatto scoprire tanta gente povera, ma, sia il governo, sia le organizzazioni umanitarie, stanno facendo passi da gigante per portare loro una speranza di vita migliore. Il paese è tutto un cantiere. Nelle piccole città si vedono già i primi centri commerciali. Grandi viali con marciapiedi illuminati. Resort turistici all’avanguardia. Certo nei piccoli paesi e nei villaggi di montagna c’è ancora molto da fare, ma il tempo darà loro ragione. Dicevo, siamo partiti un po’ timorosi per via del fatto che viaggiavamo sempre da soli. Non in gruppo. Ma ci siamo dovuti ricredere subito. Non abbiamo mai avuto la percezione di trovarci in pericolo. Anche nei vicoli stretti delle medine, mai nessuno ci ha importunato. Sia nelle città, sia nei villaggi quando ci fermavamo a chiedere informazioni, facevano a gara per fornirle, e sempre in modo veritiero. Gli alberghi. Non abbiamo prenotato nulla dall’Italia. I biglietti dei traghetti li ho fatti sempre nel porto di imbarco. Gli alberghi li decidevo la sera all’arrivo in qualche città o paese. Sempre trovato posto. Solo a Marrakech avevo un indirizzo che mi avevano dato certi bresciani conosciuti la mattina, e recatomi lì l’hotel era completo. Niente paura a 50 mt. di distanza abbiamo trovato un altro albergo meglio di quello. Abbiamo dormito in una decina di alberghi diversi, e non sempre c’éra il garage. Ci facevano lasciare la moto fuori dicendo che non c’éra nessun problema. Poi veniva sempre qualcuno che si definiva “guardiano notturno” e la mattina con una mancia di 2-3 euro ritrovavi la tua moto come l’avevi lasciata. Quando capitava di fare escursioni turistiche a piedi, lasciavamo la moto con giacche bagagli e caschi, trovando nelle vicinanze sempre uno che te la guardava. Qualche volta non c’éra nessuno, ma al ritorno trovavo ogni cosa al suo posto. Una volta ho lasciato la macchina fotografica sulla sella, e al ritorno dall’escursione l’ho ritrovata lì. Quando devi acquistare qualcosa, allora lì devi trattare. E’ come un gioco, e alla fine non vince nessuno. Lui ti lascia la merce al prezzo che tu vuoi pagare. Le strade statali marocchine sono tutte in ottime condizioni. Le provinciali un po’ meno. Quelle dei paesi più piccoli e dei villaggi un po’ disastrate ma sempre percorribili tranquillamente. Poi ci sono “le piste”. Le piste sono strade non asfaltate, ma tenute bene. Considerate che nelle piste ci devono passare gli asini che tirano i carretti, le automobili che riforniscono i villaggi e anche i furgoncini. La pendenza non è mai elevata. Una moto anche stradale ci passa senza problema. Unica nota dolente che la manutenzione non è assidua e quindi si formano buche, cadono sassi, si smottano. Poi se percorri una pista dove il giorno prima c’è stato un temporale che ha fatto franare una parete riversando fango sulla carreggiata, magari anche per un tratto di dieci metri….allora sono problemi. Considerate che io ho percorso circa 150 km di piste sterrate, con passeggera e moto carica. A volte Flavia è dovuta scendere, a volte ha dovuto spingere la moto. Ma grossi problemi non ne ho mai avuti. Consiglio di percorrerle da soli e senza bagagli, il divertimento è assicurato Le gomme. Ho percorso in totale 5800 km, di cui 150 di sterrato. Servivano le gomme tassellate? NO, assolutamente NO. Le piste si possono percorrere tranquillamente con gomme tipo anakee 2. Anche con gomme prettamente stradali anakee 3. A meno che non vi rechiate in Marocco per fare solo “sterrato”, sconsiglio di montare gomme tassellate. Io avevo montato un semitassellato della Heidenau , la scout k 60. Su strada sono comunque molto rumorose. Pentito al 100%. Poi non dimenticate che cavalcate una moto da 250 kg e oltre, mica una ktm da 120!!!!! . La sabbia. La GS sulla sabbia è inguidabile, e se riesci anche a guidarla dopo pochi metri la ruota posteriore affonda e tirarla su non è uno scherzo. Io per fare il cretino mi sono insabbiato e per uscirne fuori a forza di sgassate stavo bruciando anche la frizione! Mai più. Le stazioni di rifornimento. Nessun problema per la benzina. Sulle strade principali tanti distributori. Sulle strade secondarie un po’ meno, ma a distanze tali da essere sempre in sicurezza. La moto. Prima di partire dovevo fare il tagliando, ma per mancanza di tempo sono riuscito solo a cambiare l’olio. Niente filtri, niente registrazione valvole . Con me portavo solo un kit riparazione gomme e le chiavi in dotazione. Nessun problema alla moto, solamente percorrendo un tratto di fuoristrada duro e scalettato per 25 km circa mi si è spezzato un supporto che tiene il parafango posteriore. A dire il vero pensavo che mi si smontava la moto tante erano le vibrazioni! Al successivo sterrato si è spaccato il secondo supporto. Abbiamo provato con un meccanico di un villaggio a ripararlo, ma al terzo sterrato si è rotto anche il terzo di supporto. Tolto e riportato a casa come cimelio. Al ritorno a casa ho fatto un rabbocco dell’olio di circa mezzo litro. Il clima. A parte un pioggerellina della durata di circa mezzora con temperatura scesa fino a 4 gradi nel paese di Ifrane, nei restanti giorni sempre sole e temperature che andavano dai 20 gradi fino ad arrivare ai 37 dalle parti di Marrakech .A Merzouga nei pressi del deserto temperatura sui 32, 33. A noi questo viaggio è piaciuto tantissimo. Grazie a tutti per i post di incoraggiamento, e se dovete affrontarlo portatevi …………..

La metà dei bagagli …… e il doppio dei soldi !!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Ciao.

 

Per vedere tutte  le foto clicca QUI.

Viaggio a Dubai in aereo, dicembre 2016.

       Report del viaggio a Dubai dal 6 dicembre al 13 dicembre 2016.

Massimo e Flavia a Dubai ….. (senza moto)

Ciao a tutti, siamo quasi a fine anno, dicembre 2016, e ci restano dei giorni di ferie da consumare. Dopo il viaggio in moto a capo nord di quest’estate decidiamo di spostarci in altro modo. Destinazione Dubai, in aereo. Per vari problemi decidiamo la partenza solo quattro giorni prima. Dopo una ricerca su internet trovo un biglietto della Turkish Airlines, partenza 6 dicembre alle 14:00 da Fiumicino con sosta di 3 ore a Istanbul con aereo A320, poi diretto per Dubai con Boeing 777 , arrivo alle ore 01:30. Ritorno 13 dicembre. Prezzo totale 720,00 euro.

Riesco a trovare una sistemazione alberghiera all’hotel Ibis style, che per 540 euro ci offre una stanza di 38 mq. con prima colazione compresa, per tutta la settimana. L’hotel si trova in una posizione intermedia di Dubai, a circa 800 mt. dalla stazione della metro e il taxi con 8 euro ti porta in centro. A Dubai i taxi sono molto economici. Stipulo on line un’assicurazione medica con la compagnia Allianz, costo per 8 giorni euro 100.

Primo giorno martedì 6 dicembre 2016

Arriviamo in aeroporto con congruo anticipo, facciamo il check velocemente e sapendo che per una settimana mangeremo arabo, ci spariamo una “ matriciana” italianissima . Partenza puntuale, volo tranquillo, ulteriore spuntino bevande e caffè. A Istanbul per ingannare l’attesa girovaghiamo per il terminal, alle 21:00 ci imbarchiamo sul bellissimo 777, poltrone spaziose, televisore con una decina di film in italiano e le quattro ore di volo passano in fretta, intermezzate da un altro spuntino. Atterriamo a Dubai alle 01:30 e sbrigate le formalità doganali dopo mezz’ora circa siamo fuori l’aeroporto. Un taxi con 10 euro ci porta in albergo che si trova a una decina di km dall’aeroporto. Arriviamo in albergo, altro check e alle tre siamo a letto.

Secondo giorno mercoledì 7 dicembre 2016.

Sveglia alle sette colazione usciamo la temperatura è 26 gradi, giornata soleggiata. Con un taxi ci dirigiamo al parcheggio dei bus turistici hip on hip off e facciamo un abbonamento per tre giorni che comprende sia la visita di tutta la citta, sia l’ingresso ai vari siti e musei. Prezzo 70 euro cadauno. Iniziamo dal quartiere BUR Dubai, il più antico, dove visitiamo il museo nella fortezza di al Fahidi. Qui è ricostruita la storia di Dubai dai primi insediamenti di pescatori di perle del terzo millennio avanti cristo, fino alla scoperta del petrolio in tempi recenti. Tramite una barca caratteristica del posto attraversiamo il Creek, il canale che dal golfo arabico si insinua all’interno per 3 km per approdare nell’altra sponda dove visitiamo il souk dell’oro, mai visto tanto oro insieme.

A Dubai ogni cosa “ è la più grande del mondo” e in un negozio c’éra esposto l’anello più grande del mondo , circonferenza 70 cm. peso 64 kg. Ci spostiamo poi nel mercato delle spezie, dove mangiamo un kebab in un “ristorantino “. Sacchi pieni di spezie di tutti i tipi. Profumi e colori da girar la testa. Riprendiamo l’hip on e scendiamo al Dubai Mall. Qui c’è il centro commerciale più grande del mondo, con 1200 negozi su 4 livelli. Lusso sfrenato senza eguali. Dall’esterno bisogna alzare la testa verso il cielo per vedere la punta estrema del Burj Kalifa, il grattacielo più grande del mondo, 828 metri di stupore. Ci limitiamo a vederlo dal piano terreno rimandando la visita nei prossimi giorni. Sempre qui c’è un laghetto artificiale con le fontane danzanti. Altro spettacolo che ti lascia a bocca aperta. Dalle 18:00 quando inizia a fare buio fino alle 23:00 ogni mezz’ora, a suon di musica di etnie diverse, potete assistere ai getti d’acqua alti fino a 150 metri che si esibiscono una vera e propria danza con le luci che amplificano l’effetto scenografico. Noi per gustare al meglio lo spettacolo, ci accaparriamo un tavolo bordo lago da posizione privilegiata assaporando una cena al ristorante libanese.

Alle ventuno con il bus notturno ci facciamo trasportare per la citta prima al Mall of Emirates, altro centro commerciale grandissimo, dove si trova anche la pista artificiale di sci, poi all’isola artificiale della palma ”Palm Island”, a seguire Medinat Jumerah, altro centro commerciale, e infine davanti al Burj Al Arab il famoso hotel a forma di vela, davvero suggestivo per via dell’illuminazione che cambia continuamente. E’ mezzanotte siamo stanchi, chiamiamo un taxi che ci porta in albergo. A domani.

 

Terzo giorno giovedì 8 dicembre 2016.

 

Dopo la colazione abbondantissima e internazionale (non stupitevi di trovare pasta e fagioli) siamo pronti. Giornata sempre soleggiata temperatura 24-25 gradi. Percorriamo circa un chilometro a piedi per recarci a visitare l’unica moschea aperta ai non mussulmani, la moschea di Jumeirah. Costruita interamente in pietra bianca può accogliere fino a 1200 visitatori. La visita guidata che dura circa 2 ore, a cura del centro per la cultura e la religione degli emirati arabi, è in lingua inglese si svolge in un’atmosfera informale e rilassata. La signora spiega in modo molto esplicito i comportamenti e gli usi e costumi della società araba legati alla religione islamica. Sempre tramite bus hip hop percorriamo il lungomare, e ci fermiamo all’hotel Jumeirah. Grandioso cerchiamo di entrare per vedere la hall ma un addetto alla security ci blocca all’istante.

Dopo una breve trattativa ci permette di entrare per ammirare la hall, da perdersi all’interno!!!!!! Usciamo e ci dirigiamo al Burj Al Arab tramite un ponte pedonale di 300 mt. Ma anche qui ci bloccano. Bisogna prenotare in anticipo. Vabbè lo faremo nei prossimi giorni, ma già dall’ esterno è spettacolare. Sempre a piedi ci addentriamo nel Souk Madinat. Sembra una piccola citta ma in realtà è piena di negozi, ristoranti, bar, vicoli stretti, un laghetto con canali barchette e tour guidati. Sembra una piccola Venezia. Anche qui hotel lussuosissimi e una vista del Burj al Arab lato mare. Riprendiamo il bus e ci facciamo portare a Palm Island capolinea hotel Atlantis. Altra meraviglia di Dubai. UN ALTRO MONDO. All’interno Lost Chambersun acquario bellissimo in stile Atlantide la città perduta, accanto il parco acquatico Acqua venture dove si trova uno scivolo Kamikaze che passa in un tunnel circondato da squali. Ci facciamo una passeggiata sul lato esterno dell’isola e poi andiamo prendere la monorotaia a guida automatica che dall’albergo attraversa l’isola fino alla terra ferma. Da sopra si possono ammirare tutti i bracci della palma. Torniamo indietro e riprendiamo il bus che ci porta a marina di Dubai. Qui come del resto in tutta Dubai, grattacieli a un passo dal mare adibiti a uso abitazione.

Scendiamo in spiaggia con sabbia fine e bianchissima e passeggiamo scarpe in mano sul bagnasciuga. E’ quasi buio, riprendiamo il bus e scendiamo al Mall of Emirates, lo visitiamo in lungo e largo e il lusso è la parola d’ordine. Entriamo in un supermercato della Carefour, una cosa mai vista. Immenso, grandioso ho contato 69 casse, tutte aperte. Sicuramente è il supermercato più grande del mondo!!!!!!Passiamo allo ski Dubai ma sono le ventidue, è tardi, nei prossimi giorni torneremo per “ sciare nel deserto”. Prendiamo la metro (favolosa) nel vero senso della parola.Totalmente climatizzata, cammina su una rotaia rialzata all’esterno e da lì puoi ammirare i grattacieli illuminati nei modi più stravaganti e suggestivi con le lampade a led. Naturalmente tutto pulito ordinato e puntuale, peggio degli svizzeri. Scendiamo, tre minuti di taxi e siamo in albergo. E’ mezzanotte.

 

Quarto giorno venerdì 9 dicembre 2016.

Anche oggi giornata soleggiata e calda. Stamattina in metro ci rechiamo al Mall of Dubai per visitarlo internamente. All’ingresso un acquario con tunnel dove gli squali sembra vogliono mangiarti, pesci di ogni specie che nuotano indisturbati all’interno della vasca che ha una parete alta almeno sei metri per 10. Dentro il centro è tutto uno scintillio di luci. Negozi che non hanno porte, vetrine addobbate in maniera da lasciarti senza parole. Tutti i grandi marchi hanno un negozio nel Mall of Dubai. C’è una pista di pattinaggio su ghiaccio, una cascata artificiale d’acqua, ristoranti internazionali, sale giochi per tutte le età, centri di bellezza, tutto ma dico tutto quello che vi viene in mente si trova qui. Lasciamo il centro e con il bus ci dirigiamo al giardino dei miracoli” miracles garden”.

E’ un giardino con fiori naturali più grande del mondo oltre 72000 mq. 45 milioni di fiori di piante. I fiori sono messi in mostra sistemati nelle più disparate forme. Cuori, stelle, piramidi, igloo. C’è perfino un aereo delle linee Emirates ricoperto interamente di fiori. Anche qui tutto spettacolare. A seguire ci rechiamo al global village. Anche questa è la meta turistica internazionale più grande al mondo per shopping, cibo, intrattenimento, avventura e concerti. Ci sono 40 padiglioni con una settantina di paesi raffigurati mediante le loro caratteristiche architettoniche, colori, odori, suoni. Ogni paese è diverso dall’altro. Una cosa da perdere la testa. Ci vorrebbe una settimana solo per visitare tutto il centro. Il parcheggio esterno è a perdita d’occhio. Noi siamo capitati stasera che è venerdì, giorno di festa per gli islamici, e c’éra una ressa alle casse allucinante. L’abbiamo visto dall’esterno è già rende bene l’idea di quello che è dentro. Abbiamo optato per tornare indietro e prendere il bus notturno che ci ha portato a Deira City Center, poi a Bur Juman dove abbiamo cenato in un ristorante indiano. La fame era tanta che nemmeno abbiamo capito cosa ci hanno fatto mangiare. Alle ventitré eravamo in hotel.

Quinto giorno sabato 10 dicembre 2016.

Oggi giornata dedicata alla visita di Abu Dhabi. La capitale degli emirati arabi si trova a circa 150 km. da Dubai. Noi ci siamo recati al capolinea, al quartiere Al Ghubaiba, e da li tramite bus turistico granturismo al prezzo di 12 euro cadauno abbiamo acquistato due biglietti per Abu Dhabi. Il viaggio dura un’ora e mezza. Copritevi che gli autisti metto il climatizzatore a palla. Il bus fa capolinea in una piazza centrale di Abu Dhabi, e con un taxi abbiamo raggiunto la grande moschea dello sceicco Zaied. Impressionante. Costruita interamente in marmo bianco, è una delle opere architettoniche più grandi del mondo. Può contenere 40.000 visitatori ci sono un centinaio di cupole e 1000 colonne. All’interno un tappeto annodato a mano più grande del mondo. Un lampadario, in oro zecchino che pesa 10 tonnellate e ha un diametro di 10 metri. E’ circondata da tutte vasche di acqua che ne amplificano la bellezza. E’ visitabile anche dai non mussulmani sempre vestiti in maniera decorosa specialmente le donne, e senza scarpe come in tutte le moschee. Tramite taxi ci rechiamo all’ Emirates Palace. Credetemi, non trovo le parole per descriverlo, è tutto un susseguirsi di esclamazioni di meraviglia. L’abbiamo girato in lungo e largo questo hotel a sette stelle. Il lusso è davvero senza limiti. Nel nostro piccolo in un negozio all’interno abbiamo acquistato una sciarpa di cashmere. Uscendo dall’hotel puoi ammirare i giardini freschi e verdeggianti con le fontane che contrastano l’edificio di colore oro. Ci incamminiamo lungo la Corniche, la spiaggia per eccellenza di Abu Dhabi, circa 7 km. Da una parte il mare, dall’altra i grattacieli dalle forme più svariate. Tutta una meraviglia. Ci spingiamo al centro sempre a piedi e alle diciotto pranziamo in un centro commerciale. E’ quasi notte, un taxi ci riporta al parcheggio dei pullman e torniamo a Dubai. Davvero bella Abu Dhabi.

Sesto giorno domenica 11 dicembre 2016

Stamattina giornata soleggiata temperatura sui 24 gradi, dall’hotel prenotiamo un tour nel deserto e ci danno un appuntamento alle 14:00 in albergo. Per ingannare l’attesa, ci rechiamo a visitare il mercato del pesce nel quartiere Deira. Ci sono centinaia di banchetti che offrono una quantità di pesce e frutti di mare, dagli squali, ai gamberetti giganti, a pesci mai visti dalle nostre parti!!!!!!! Nei paraggi un mercato di prodotti ortofrutticoli. Volendo è possibile acquistare il pesce il loco e poi spostarsi in un locale accanto dove te lo cucinano per pochi dirham. I ristoranti che prenotano il pesce il giorno prima quando lo vanno a ritirare non scendono dalla macchina, ma chiamano il venditore che tramite un facchino con carriola porta il pesce direttamente in auto! Torniamo in hotel dove mangiamo una pizza e alle due puntuale arriva l’autista arabo con fuoristrada Toyota sei cilindri. Attraversiamo tutta Dubai e ci rechiamo in due alberghi diversi a caricare due coppie che insieme a noi vanno al tour. Facciamo un centinaio di km. e siamo in pieno deserto. Ci fermiamo in una stazione a fare rifornimento e sgonfiare le gomme per affrontare le dune. Sembrava di stare sulle montagne russe. L’autista faceva delle manovre al limite del ribaltamento, ma comunque tutto in sicurezza. Facciamo una prima sosta fotografica, ne facciamo un’altra quando inizia a fare buio in un’oasi dove è possibile fare un giro in cammello (mai più dopo l’esperienza marocchina). Lì hanno preparato una cena con cibo locale, e uno spettacolo folcloristico dal vivo. Dalle danzatrici del ventre, all’uomo con mantello infuocato, a varie dimostrazioni canore. A notte fonda riprendiamo la strada per l’albergo albergo e la giornata finisce.

Settimo giorno lunedì 12 dicembre 2016

Oggi è l’ultimo giorno di vacanza, e sono rimaste da fare due cose che solo qui puoi fare. Sciare nel deserto!!!!!!! E salire sul grattacielo più alto del mondo!!!!!!!!Cominciamo con lo sci. Tramite metro ci rechiamo al Mall of Emirates, sono le dieci di mattina, e scendiamo subito al piano di sotto dove c’è l’ingresso della stazione sciistica. Tutto organizzato alla perfezione. Sessanta euro è il biglietto che comprende l’affitto degli sci, scarponi, tuta, caschetto, guanti. Si sale tramite scala mobile e ti trovi nelle “Dolomiti !!!!!!” Due piste da sci, una per principianti, l’altra per sciatori medi, lunghe 400 mt. Per salire una seggiovia a due posti e uno skilift. In basso un parco giochi sulla neve, i pinguini, l’igloo di ghiaccio, gli scivoli per i bambini, sembrava un’atmosfera natalizia. La temperatura era intorno ai 2 gradi sotto zero. Flavia è rimasta fuori a fotografare, io sono stato dentro un paio di ore, forse meno, a sciare su e giù. Anche se il dislivello era minimo, era comunque divertente. Quando sono uscito salivano gruppi di bambini arabi, accompagnati dai maestri di sci tutti sorridenti e felici che si apprestavano a imparare a sciare. E’ mezzogiorno riconsegnata l’attrezzatura ci incamminiamo verso il cavalcavia che tramite nastro trasportatore ( tapis roulant), ci porta alla metro, che in 20 minuti ci lascia alla fermata Mall Dubai. 828 metri di acciaio e cristallo si innalzano verso il cielo di Dubai. E’ il Burj Kalifa. A oggi è il grattacielo più alto del pianeta. Oltre 160 piani. Noi come al solito andiamo senza prenotazione e comunque il biglietto lo troviamo per le quattordici. Manca un ora, e mentre aspettiamo il nostro turno decidiamo di fare un secondo biglietto per una visita notturna. Si può scegliere di salire” al the top” al 124 °piano oppure al” Burj Kalifa Sky” al 148° piano. Chiaramente il prezzo cambia molto. Se non ricordo male al 124° piano costa 50 euro, al 148° piano 80 euro. Noi optiamo per il 148°. L’ascensore che sale impiega circa un minuto a raggiungere i 660 metri di altezza dove è posto l’osservatorio. La vista è grandiosa, delle grandi vetrate assicurano un panorama a 360°. C’è anche un’area esterna protetta da vetri. Anche se Dubai è interamente sviluppata lungo la costa e lunga circa 50 km, riesci a vederla tutta. Palm Island, il mondo (in costruzione), il Creek, la zona marina, la zona residenziale, il porto, l’aeroporto. L’autostrada a 12 corsie che attraversa la citta, con gli svincoli che sembrano parchi naturali. Dubai è Dubai. Dopo un paio di ore scendiamo dalla torre e giriamo nel centro commerciale, è talmente grande che ad un incrocio con Flavia ci perdiamo. Il mio telefono (tenuto sempre spento) lo accendo ma la tim mi dice che non posso chiamare. Dopo un’ora di ricerche estenuanti ci incrociamo nella hall principale, e tutto si risolve. Al Dubai Mall è tutto pulitissimo e ordinato. Le toilette luccicano e brillano tanto quanto le vetrine dei negozi. E’ un sacrilegio usarle per lo scopo a cui sono preposte!!!!!!!!! Ci sono 160 (centosessanta ristoranti). Nell’attesa di salire di nuovo su, ci procuriamo un posto sul ponte del laghetto in cui si gode una vista superba sia dello spettacolo delle fontane danzanti, sia del grattacielo illuminato da 24000 luci a led che ti offrono un gioco di luci spettacolare. Lo spettacolo delle fontane avviene ogni mezz’ora, dura circa 5 minuti, e cambia sia la musica, sia l’effetto scenografico dell’illuminazione e dei giochi d’acqua. Abbiamo il tempo di visitare anche il Souk al Bahar, piccolo ma suggestivo centro commerciale al di là del laghetto. Alle ventuno siamo pronti per risalire sulla torre, per goderci lo spettacolo notturno, davvero suggestivo. Tutta Dubai illuminata da una miriade di luci. I grattacieli, ognuno con il suo gioco di luci che ti abbaglia. Bello, bellissimo. Dalla terrazza esterna riusciamo a vedere anche lo spettacolo delle fontane in quanto il suono della musica viene riprodotto anche qui su. Tutto spettacolare, ma non dimentichiamoci che siamo a DUBAI!. Sono le ventitré, torniamo in albergo.

Ottavo giorno martedì 13 dicembre 2017

Sveglia presto, perché alle otto e mezzo siamo in volo e dopo quattro ore atterriamo a Istanbul. Tre ore di attesa e dopo un paio di ore siamo a Fiumicino.

Considerazioni finali.

Mohammed Bin Raschid al Maktom è lo sceicco fondatore di Dubai. In merito alla riduzione della disponibilità di petrolio disse:
Mio nonno guidava un cammello. Mio padre guidava un cammello. Io guido una Mercedes. I miei figli guidano una Land Rover. I loro figli guideranno una Land Rover, ma i loro figli guideranno un cammello!
Dubai non potrà mai accontentarsi di niente di meno che il primo posto.

La parola “impossibile” non è nei dizionari dei leader. Non importa quanto grandi siano le sfide. La fede, la determinazione, e le forti decisioni le supereranno.

Dubai è il progetto di un ambizioso emiro che ha voluto trasformare un villaggio di pescatori di perle in una città che facesse invidia al mondo intero.
A Dubai tutto è al primo posto. A Dubai, c’è tutto quello che un europeo non è abituato a vedere.Dubai, un villaggio di pescatori di perle che in cinquanta anni è emersa dal deserto e si alimenta con investimenti da capogiro. Dubai una città dalle mille sfaccettature, basta cercare quella che più ci gusta. Dubai la città dei record dove i nuovi grattacieli sono costruiti per essere energicamente autosufficienti, per non dipendere dal petrolio ma dal commercio e dal turismo. Una cultura che si mischia ad altre cento e tutti vivono in modo armonioso, rispettandole regole di chi le impone, per comando, per soldi. Entusiasti di questo viaggio, noi difficilmente torniamo in luoghi già visitati, ma lo stupore che ci ha lasciato Dubai va oltre. Ciao a tutti.

 

Per vedere tutte le foto clicca QUI.

Viaggio in moto “il cammino di Santiago de Compostela”, giugno 2012

Report del viaggio in moto in Spagna seguendo il Camino di Santiago de Compostela.

L’inizio del cammino a Roncisvalle.

Viaggio in moto in Spagna seguendo il

Camino di Santiago de Compostela.

15 giugno – 28 giugno 2012

Km percorsi in totale 6.600.

Moto pronta alla partenza

 

Questo è il primo giro in moto all ’estero fatto con Flavia. L’idea, come sempre, è venuta a Lei. Volevamo visitare la Spagna, e prendiamo spunto da questo itinerario per vedere la parte nord ancora mai vista, in quanto siamo stati già con auto a noleggio nella parte centrale, e nell’Andalusia. Pianifico per bene l’itinerario da percorrere, seguendo possibilmente il cammino che fanno i pellegrini a piedi attraverso i vari siti internet dedicati.

 

Venerdì 15 giugno

 Per una serie di problematiche inerenti il lavoro, io parto da solo alle ore 13.00, seguendo la costa tirrenica tramite la via Aurelia. Arrivo a Ventimiglia alle ore 20:30 circa, e vado a dormire in un albergo che conoscevo, avendo soggiornato lì nel 2009 durante il giro della “Ruote de Grands Alpes”. Giornata soleggiata, km percorsi 700.

Sabato 16 giugno

 Il mattino seguente, varcato il confine di stato, percorro tutta l’autostrada Francese passando per Marsiglia, Montpellier, Narbonne, Tolosa, Lourdes e infine Irun, città costiera che si trova metà in Spagna, e metà in Francia. Riesco a trovare un albergo a tarda sera e lì finisce la giornata. Giornata soleggiata, km percorsi 980.

Domenica 17 giugno

Continuo l’autostrada fino a Bilbao, lì esco e percorro stradine secondarie per arrivare all’aeroporto di Santander dove alle 13:00 atterra l’aereo da Ciampino con Flavia. Baci, abbracci saluti, carichiamo i bagagli e ci dirigiamo a San Jean Pied de Port, la cittadina francese dove ha inizio il “camino de Santiago de Compostela”. Fino a Miranda de Ebro percorriamo stradine di montagna, Portillo de Lunada mt. 1400, è uno dei valichi attraversati.  Poi Autostrada fino a Pamplona e infine la Nazionale 135 per arrivare a destinazione. Dopo aver trovato sistemazione per la notte, ci rechiamo all’ufficio dove rilasciano le “credenziali ”, ovvero tutte le informazioni relative agli ostelli lungo il percorso in cui i pellegrini posso mangiare, dormire ,rifocillarsi. Inoltre mediante una timbratura attesta che voi siete passati lì e all’arrivo a Santiago il certificato che attesta che siete arrivati. Avendo noi dichiarato che effettuavamo il percorso non a piedi bensì in motocicletta …….. ci sono state gentilmente rifiutate! Andiamo a cena in un caratteristico locale dei pellegrini, e accanto al nostro tavolo due signore olandesi di oltre settantacinque anni ci parlano del loro cammino dall’Olanda fino a Santiago a piedi!!!! Giornata soleggiata, km percorsi 370.

 

Lunedì 18 giugno

 Inizio del nostro ”cammino” in moto” , passando per la citta di Roncisvalle per arrivare a Pamplona. Qui visitiamo la cattedrale, la famosa piazza Castle Square, e la fortezza. Proseguiamo per il Puente della Reina, una delle località più significative del cammino, a seguire Los Arcos , Lagrono e Santo Domingo della Calzata. Arriviamo a Burgos in tarda serata. Giornata soleggiata km percorsi 350 circa.

Martedì 19 giugno

Questa mattina la dedichiamo alla visita della città di Burgos. Iniziamo dalla famosa piazza Mayor, 6000 mq. , circondata dai migliori alberghi, bar , ristoranti. Ci spostiamo nella sontuosa cattedrale, e poi passeggiamo nei vicoli del centro storico. Proseguiamo il cammino per Hornillos del camino, Castrojerez, Corrion de los Codes , Bercianos, Pellegos, arrivando a Leon. In questo tratto tra le mesetas ti trovi a percorrere decine di km senza il nulla intorno. Campi di grano e girasole che si perdono all’orizzonte. Noi con la moto abbiamo percorso il sentiero che fanno i pellegrini, passando accanto in maniera di non disturbarli, e fermandoci ogni tanto a qualche fontanile a salutare coloro che si rinfrescavano. Giornata soleggiata. Km percorsi 220.

Mercoledì 20 giugno

Mattinata alla visita di leon. La maestosa cattedrale, la Real basilica, e il centro storico. Continuando per il cammino attraversiamo molti siti dove ci sono gli”Hospital” le strutture dove si riposano i pellegrini durante la notte, e vengono loro serviti pasti caldi e dove possono lavarsi. Rabanal, Molinaseca, Villafranca del bierzo, Tricastela, Sarria . Arriviamo in tarda serata a Santiago di Compostela, dove pernottiamo. Giornaya soleggiata. Km percorsi 350 circa.

Giovedì 21 giugno

Oggi passiamo l’intera giornata a Santiago. In primis la cattedrale che è il punto di arrivo di tutti i cammini. Poi la piazza antistante “obradoiro”. Facciamo un giro al mercato per mangiare prodotti locali, ci dirigiamo poi a plaza de Cervantes. Rimaniamo seduti qui per tutto il pomeriggio. Questa piazza si trova prima del rettilineo finale che porta alla cattedrale, e lì che tutti i pellegrini passano dopo aver percorso gli ottocento km che li separano dalla partenza. Vedere queste persone con gli zaini carichi, cotti dal sole, con gli sguardi persi che camminano in automatico, emozionante. Giornata soleggiata.

 

Venerdì 22 giugno

La destinazione di oggi è “Finisterre”, la fine delle terre, sull’oceano atlantico. Sono cento km che la separano da Santiago, e molti viandanti arrivano lì a completare il loro cammino. C’è una conchiglia che segna il km zero.  Continuiamo il giro lungo la costa nord atlantica per La Coruna, Ferrol,  Gijon. Oggi una pioggerellina ci accompagna per quasi tutta la giornata. Percorsi 510 km.

Sabato 23 giugno

Sempre lungo la costa raggiungiamo Bilbao. Una visita al celeberrimo museo “Guggenheim”. Nel pomeriggio seguendo strade nazionali dei paesi baschi, passiamo a Vittoria Gasteiz, Pamplona e arriviamo nei Pirenei a Biescas. Giornata soleggiata. Km percorsi 400.

 

Domenica 24 giugno

Iniziamo la traversata dei Pirenei passando per Puerto de Cotefablo a quota  mt.1423, proseguiamo per il parco nazionale de Ordesa e monte Perdido e vedo una stradina che si arrampica su un monte. Imbocchiamo sullo sterrato e arriviamo ad un paese si chiama Sercuè. Sulla piazzetta principale con un artigiano che lavora il legno ci intratteniamo a parlare della vita sulle montagne. E’ un ebanista e compriamo un paio di forchettoni per la pasta. Scendiamo e ci avventuriamo nella gola del Canyon de Anisclo. Spettacolari dall’alto, suggestive dal basso, attraversandole tramite una stradina che le risale con la moto. Continuiamo per le magnifiche strade dei Pirenei, fino a Ecalona. Proseguiamo, Lafortunada, Salinas de Sim, Plan. Qui sembra che la strada valichi il confine e porta in Francia. Per proseguire dobbiamo tornare indietro di circa 120 km. Sulla cartina vedo una strada sterrata e chiedo a dei passanti se è percorribile. In 25 km raggiungerei Chia e risparmio 120 km. Uno del posto ci guarda in modo strano e ci dice che la strada è tutta sterrata. Si arrampica sulla montagna, molto sconnessa e scende dalla parte opposta. Dice che con le auto 4×4 è percorribile, voi con la moto, valigie, in due…storceva il naso. Mi indica la direzione, proviamo dico a Flavia, al limite torniamo indietro. Tutto sommato la strada era percorribile, alcuni tratti ostici ma i panorami hanno abbondantemente ripagato la fatica. Arriviamo a Chia dove pranziamo con due panini. Riprendiamo il tour, Castjon de Sos, passo Fadas, passo de Espina, Viheila, Salardo, Baqueira famosa stazione sciistica, passo de la Bonaigua, Sort,  col de Canto’ , La Seu d,Urgell per approdare ad Andorra a sera tarda. Trovato hotel centralissimo. Una bella cena e passeggiata. Giornata meravigliosa. Soleggiata. Km percorsi 318.

Lunedì 25 giugno

Dopo una ricca colazione si riparte per il passo D’Envalira, a quota 2400 metri, dai 34 gradi di Andorra li su c’erano appena tre gradi. Naturalmente abbiamo evitato il tunnel e abbiamo percorso tutti i tornanti fino in cima. A Grandvalira passiamo accanto ad un museo delle moto ma era chiuso. Ora siamo in Francia. Proseguiamo per Ax le Termes, col du Pratel, Limoux e Carcassonne. Piccolo Stop per panino, poi Bezier,Montpellier, Avignone, e siamo a le Coustellet. I campi di lavanda si perdono a vista d’occhio.  Siamo in Provenza. Strade bellissime, un continuo saliscendi sulle colline che si stagliano all’orizzonte. Visitiamo il museo della lavanda con tutta la storia e le macchine antiche con cui si lavorava la lavanda, dalla raccolta alla produzione della colonia. Troviamo un piccolo hotel a conduzione familiare per la notte. Giornata soleggiata. Km percorsi circa 550.

Martedì 26 giugno

Simo in Provenza e non ci lasciamo sfuggire dalle meravigliose e impressionanti “Gole del Verdon”. Formate dal fiume Verdon che nei millenni ha scavato la roccia in alcuni punti a strapiombo per settecento metri. E’ il più grande canyon d’Europa. Acqua dal colore verde brillante, vero paradiso per gli escursionisti. Noi da Saint Crox de Du percorriamo tutta la strada perimetrale, fermandoci nei punti panoramici con viste mozzafiato. Un vero spettacolo della natura. Arriviamo a Castellane, dove incrociamo la mitica”Route de Napoleon”, strada che da Grenoble arriva a Cannes. Per noi motociclisti una vera delizia. Arrivati a Cannes, continuiamo sulla costa azzurra Nizza, Montecarlo, ed Infine Ventimiglia. Dopo due settimane di tapas e mangiare francese, ci concediamo due spaghetti alle vongole e piatto di crostacei! Per dormire torniamo nello stesso albergo in cui avevo dormito da solo all’andata, hotel Seagul. Giornata soleggiata. Km percorsi 490

Mercoledì 27 giugno

 

Siamo in Italia, direzione casa via autostrada, la via Aurelia è troppo trafficata. Da Ventimiglia, Imperia, Savona, Genova, La Spezia, Viareggio. Qui usciamo direzione Lucca per visitare la bellissima cittadina. Arriviamo alle undici. Parcheggiata la moto ci infiliamo nel centro storico, e visitiamo tutti i maggiori monumenti, piazze, chiese, torri, fino a sera. Cerchiamo un albergo in centro vicino al parcheggio della moto e pernottiamo lì. Giornata soleggiata. Km percorsi 350 circa.

Giovedì 28 giugno

Oggi si torna a casa. Tutta una tirata di 400 km e siamo a casetta nostra.

 

Epilogo. Gran bel viaggio. Primo fatto con la Gs adv. Nessun problema alla moto. Nessun problema a noi. Sempre tempo soleggiato con temperature a volte sui 35 gradi. Solo un giorno a nord della Spagna una leggera pioggerellina ci ha accompagnato. Durante il percorso abbiamo incontrato tanti viandanti che effettuavano il lungo viaggio. Siamo sempre stati attenti quando li sorpassavamo di non disturbarli, specialmente nei tratti di stradine strette e sterrate. Bellissimi paesaggi in Spagna. I Pirenei attraversati dal lato spagnolo, meritano un giro anche dal lato Francese. La Provenza poi con tutti quei campi in fiore, uno spettacolo. Le gole del Verdon incanto della natura. La costa Azzurra, che dire sempre affascinante. Lucca una città che sembra di stare nel medioevo. La Spagna sempre bella.

Per vedere tutte le foto clicca Qui.

Elefantentreffen in moto, gennaio 2016.

 

Report del viaggio in Germania a Solla dal 28 al 31 gennaio 2016.

L’elefantentreffen, è un celebre raduno motociclistico  invernale che si tiene nella foresta di Thubmansbang-Solla, in Germania, ai confini con la Cecoslovacchia, dal 1956. La data è sempre a fine gennaio. E’ caratterizzato da temperature sempre al di sotto dello zero, presenza di neve, e la location è una vecchia cava in disuso nella foresta. Mediamente partecipano quattro- cinquemila motociclisti.

Ciao, andare all’Elefantentreffen era una cosa che mi incuriosiva da parecchio tempo.

La partenza per l'Elefantentreffen
La partenza per l’Elefantentreffen

Anno dopo anno si rimandava , l’anno scorso ci sono andato vicino, ma una nevicata il venerdì mentre mi trovavo a Canazei mi ha bloccato e sono dovuto tornare a casa.

Per quest’anno era deciso che ci dovevo andare, era tutto pronto, ma una settimana prima la triste notizia di una riunione di lavoro proprio il venerdì.

Accidenti ancora rimandare.

Rifornimento a TrentoPoi mercoledì pomeriggio mi arriva un messaggio, la riunione è rimandata a lunedì prossimo. Ma allora posso partire! La moto segna 159.000 km e avevo già acquistato tutto il materiale per il tagliando. Vado a casa cambio l’olio, il filtro dell’olio, il filtro dell’aria, l’olio del cambio, l’olio del cardano, le candele, la cinghia dell’alternatore.

Controllo le pastiglie dei freni ma per altri 3-4mila km. vanno bene. Aggancio le valigie , lego la tenda , sacco a pelo da alta montagna, …. pronti via.
Giovedì mattina alle sette sono già in viaggio; giornata bellissima!

Tappa colazione a Orte, tappa panino a Trento, alle 15:30 sono a Monaco. Percorsi 930 km.
A Trento trovo 12 gradi, a Monaco addirittura 16! Vedo dall’autostrada un albergo, esco e trovo la camera 49,00€. Ho pensato di fermarmi qui in modo che domani devo fare ancora 170 km arrivando di mattina posso fare le cose con calma.

Dopo la doccia alle sei ero già in strada per trovare un locale per cenare e dopo 100 mt. lo trovo. Stinco gigante con patate e dolce alla panna e cioccolato ovviamente annaffiati con boccale di birra.

La mattina successiva me la prendo con calma alle dieci arrivo a Solla. Sulla strada incontro decine di altri motociclisti. L’impatto non è dei più rosei. La fila delle moto parcheggiate fuori dalla buca arriva già a 700-800 metri. Vado oltre fino alla reception, parcheggio temporaneo per fare il biglietto. Trattasi di euro venticinque che ti danno diritto a: un posto tenda , l’ingresso della moto, l’ingresso per una persona, un adesivo, una medaglietta piccolissima, un opuscolo in tedesco.

Io me ne guardo bene di andare dentro la buca con la moto. Già all’ingresso si pattinava poi la buca è tutta in discesa. La lascio fuori e per fortuna trovo un posto a cinquanta metri. Scarico i bagagli e inizio a trovare un posto nel pianoro per non scendere giù, ma è tutto pieno.

Mentre giravo trovo un gruppo di italiani ai quali chiedo se potevo mettermi dietro la loro grande tenda. Subito mi sparano si va bene …. ma porta 5 birre. OK rispondo al volo, però mi prestate anche la pala per spalare la neve dove piazzare la tenda.

La tenda parzialmente montata.

Vado a comprare la paglia per un migliore isolamento e monto il tutto. Sistemata la tenda passo tutta la giornata a passeggiare sulla strada principale dove arrivano uno dopo l’altro altre moto e poi mi sono fatto diversi giri in tutta la buca per rendermi bene l’idea di cosa è l’Elefantentreffen.
La buca è fatta a gradoni con una strada sterrata che arriva fino in fondo. Poi ci sono diverse stradine laterali. Neve (poca quest’anno) e fango ….tanto fango.

La temperatura era circa 6 gradi. Tende, tantissime piccole , medie, grandi, tendoni ancora più
grandi. E le persone, in maggioranza gente di età piuttosto avanzata. Tutti attorno ad un fuoco acceso in molti casi con una pentola sopra che chissà cosa conteneva. E poi birra, tanta birra! Tutti intenti a chiacchierare.
Le moto accanto alla tenda parlavano da sole, piene di fango, attrezzate con le più disparate tecnologie per trasformarle in furgoncini da carico. Molti personaggi vestiti alla carnevalesca, più che un motoraduno sembrava un girone dantesco.

Guerrieri a pranzo.

Intanto mi chiedevo: ma che senso ha tutto ciò? Stare uno, due, tre giorni li dentro arrampicati
sulle sponde della buca .
Più giravo più il mio concetto di Elefantentreffen diventava negativo.
Mia personalissima opinione: sembrava un branco di sbandati. A occhio e croce potrebbero essere 3-4mila. Senza corrente, senza acqua, senza bagni. Anzi i bagni chimici c’erano sulla strada principale.

Uno per gli uomini e uno per le donne. Avete capito bene N. 2 bagni per 4000 persone!!!!!!!!
Prezzo un euro per entrare.
Vi lascio immaginare la mattina che sono andato via la fila dove arrivava.
Il resto usava il bosco attiguo.

La sera alle nove circa mi infilo dentro la mia tendina e cerco di dormire, ma le grida, gli schiamazzi, le moto rombanti che salivano e scendevano nella buca, il continuo avanti indietro di personaggi improbabili, hanno reso la notte abbastanza tragica.

La tenda pronta per l’uso.

Come inizia ad albeggiare spicchetto la tenda, rifaccio i bagagli, e via a casa.

La temperatura era  intorno a  zero gradi, e le strada insidiosa. Percorro cento km di strade statali, poi tutta autostrada fino a casa. Passato il Brennero la temperatura si attesta sui 12 gradi.

Cosa mi rimane di questi tre giorni. A me piace andare in moto e pur avendo percorso in tre giorni oltre 2000 km mi sento profondamente appagato.

Furgoncino porta legna!

Per quanto riguarda il raduno in se mi sembra una follia. Ma tutto è opinabile.

Motociclisti, strana meravigliosa gente!

 

Per vedere le foto clicca QUI.